Di recente mi sto esaltando nel connubio fitness e tecnologia, e questa non potevo farmela certo scappare. Nel confronto a distanza nei keynotes del WWDC e dell’I/O sono emerse, in un botta e risposta tecnologico tra Apple e Google, novità interessanti per le prossime versioni di iOS e Android. Tra le tante lo scontro sul tema fitness/salute, dove alla proposta di Cupertino con HealthKit, Mountain View risponde con Google Fit.

Google Fit

Google Fit: la piattaforma per la salute

Si vociferava già ai primi di giugno della possibilità di vedere sulla prossima versione di Android un app collector di tutte le informazioni relative all’attività fisica. A suo tempo si parlava di Google Play Fitness e ci si era sbagliati di poco. Mountain View però nella sua nuova veste minimal ha deciso di sceglie anche un nome più immediato: Google Fit.

Google Fit come la sua app competitor si propone di essere una sorta di portafoglio in cui sarà possibile avere accesso a tutti i dati raccolti dal proprio smartphone o dai propri wearable device in relazione alla propria attività fisica o semplicemente i dati relativi alla propria alimentazione e alla dieta giornaliera.

Se nell’articolo relativo a fitness & high-tech dicevo che per ogni cosa che si fa durante la giornata, c’è un app in cui inserire le informazioni (o che le informazioni le riceve tramite device esterno). Con Google Fit sarà possibile racchiudere le tutte questi input in un unica schermata in modo da avere una panoramica generale di tutto ciò che ci accade senza dover aprire ogni singola app.

Google Fit

Nella sostanza non si sa ancora come sarà l’app essendo ancora in fase di sviluppo e a disposizione degli sviluppatori da meno di una settimana. Non si sa ancora se sarà solo un monitor dati o se si potrà interagire ed inserire dati direttamente dall’app o solo entrando presso le app terze. Lo sapremo solo attendendo. Sicuramente questa nuova app cammina a pari passo con i nuovi device promossi da Google sempre all’I/O Developer Congress (Gear Live e G Watch) che montano il nuovo Android Wear.

Le differenze con HealtKit? Praticamente nulle, saranno relative alla compatibilità con i device e le app di terzi. Anche se da quanto indagato da Mashable molte app di fitness note non faranno preferenza fra Google Fit e HealthKit ma svilupperanno una compatibilità per entrambe in modo da raggiungere più utenti possibili.

Voi che dite? Siete in trepidante attesa di questo nuovo hub per la vostra attività fisica?

Enjoy!