AndroidNewsSmartphone

Galaxy S23 Ultra, la batteria resta da 5.000 mAh (ma il chip è il top)

samsung galaxy s23 ultra

Mancano ormai solo pochi giorni alla presentazione ufficiale dei due nuovi smartphone pieghevoli di Samsung, Galaxy Z Fold 4 e Galaxy Z Flip 4, pertanto tutti i riflettori sono ovviamente puntati su questi due device. Tuttavia, anche se le attenzioni sono tutte sui foldable, sul web continuano a comparire anche riferimenti in merito alla prossima serie Galaxy S23.

Come sanno bene i fan di Samsung, alla presentazione ufficiale dei Galaxy S23 mancano ancora molti mesi: solitamente Samsung mostra la sua nuova serie all’inizio dell’anno, tra gennaio e febbraio. Tuttavia, la grande distanza che ci separa dall’evento non ci impedisce di dare uno sguardo alle voci che circolano online e che riguardano proprio uno di questi telefoni, il Galaxy S23 Ultra.

Stessa capacità della batteria ma nuovo processore

Nessun leaker può essere affidabile al 100%, ma di certo ci sono alcuni molto più precisi di altri. Uno di questi è senza dubbio Ice Universe, che riesce sempre a fornire dettagli molto pertinenti sui futuri dispositivi Samsung. Anche per questo, le sue previsioni sul Galaxy S23 Ultra devono essere prese molto sul serio, perché potrebbero rivelarsi davvero accurate.

Secondo Ice Universe, la batteria che vedremo sul Galaxy S23 Ultra sarà da 5.000 mAh: niente di eccezionale, quindi, dato che questa capacità sarebbe perfettamente in linea con quella dell’S22 Ultra, dell’S21 Ultra e dell’S20 Ultra. Chiaramente, il fatto che il fornitore di smartphone numero uno al mondo non riesca a fare alcun tipo di progresso su un aspetto che continua a ricevere critiche da molti utenti è qualcosa di molto deludente.

samsung galaxy s23 ultra

Tuttavia, prima di rinunciare all’S23 Ultra, bisogna tenere conto che i produttori di dispositivi mobili sembrano aver raggiunto un limite massimo di dimensioni della batteria. Molto probabilmente c’è un motivo per cui S22 Ultra, OnePlus 10 Pro, 10T, Motorola Edge+ (2022), Sony Xperia 1 IV e Google Pixel 6 Pro sono tutti dispositivi con batterie da 5.000 mAh: fa eccezione l’Asus ROG Phone 6, equipaggiato con una batteria da 6.000 mAh ma dotato di un corpo fin troppo grosso.

Probabilmente Samsung non può inserire una batteria più grande all’interno del Galaxy S23 Ultra perché aumenterebbe troppo lo spessore e il peso. Inoltre, la durata della batteria non è mai solo una questione di dimensioni della batteria stessa: con un processore Qualcomm Snapdragon 8 Gen 2 di nuova generazione dovrebbe essere garantito un minor consumo energetico, che ovviamente gioverà anche alla durata della batteria.

Anche le altre funzionalità rimarranno invariate

L’impressione è che il Galaxy S23 Ultra mantenga molte delle specifiche che abbiamo visto nel predecessore. Pertanto potrebbe essere confermato il teleobiettivo periscopico da 10 MP del Galaxy S22 Ultra, dotato di tecnologia di zoom ottico 10x. Non sembra che Samsung abbia intenzione di equipaggiare il suo nuovo top di gamma con la fotocamera selfie sotto il display che abbiamo visto nel Galaxy Z Fold 3 (e che vedremo anche nel Galaxy Z Fold 4).

Sempre stando ai rumors, il Galaxy S23 Ultra potrebbe arrivare anche con uno strepitoso sensore primario da 200 MP sul retro e (come detto) con un processore Snapdragon 8 Gen 2 che dovrebbe riuscire ad assicurare un livello prestazionale da favola e che potrebbe davvero essere la spinta all’acquisto del top di gamma per molti fan di Samsung.

Va comunque ricordato ancora una volta che manca davvero molto all’annuncio ufficiale della serie Galaxy S23, pertanto nei prossimi mesi potrebbero emergere nuove indiscrezioni sulla nuova serie, soprattutto sul modello Ultra.


Fonte Phone Arena

Potrebbero interessarti
AppleiPadNews

Interruzioni di corrente in Cina, a rischio i nuovi iPad? I timori di Apple

News

5 Cose che devi sapere prima di comprare Bluetti B230 e B300


AndroidNews

L'attesa è finita: Android 13 in versione stabile per i Google Pixel

AndroidRecensioniSmartphone

Nothing Phone (1) 1 mese dopo: la recensione dopo l’hype