FBI contro Apple parte seconda. Vi abbiamo informati qualche giorno fa della decisione presa da parte dell’ONU nella persona dell’Alto Commissario per i Diritti Umani, il principe giordano Zeid Raad Al Hussein che si era schierato dalla parte di Apple contro la richiesta dell’FBI di creare un software per sbloccare il dispositivo del terrorista autore della strage di San Bernardino (qui troverete il perché della scelta dell’ONU).  Ora arriva la risposta della stessa FBI che confuta tutte le disquisizioni di Apple e anche dell’ONU, seppur implicitamente. Di seguito la replica dell’FBI alla corporation di Cupertino.

FBI contro Apple

FBI contro Apple: è braccio di ferro

Nel documento firmato dal Procuratore degli Stati Uniti Eileen M. Decker, Procuratore degli Stati Uniti per il Distretto Centrale della California, da Tracy L. Wilkison, a capo della sezione che si occupa di cybercriminalità e crimini contro la proprietà intellettuale, e da Patricia A. Donahue, a capo della divisione Sicurezza Nazionale, si legge un duro attacco nei confronti della corporation guidata da Tim Cook: è chiaro che l’FBI contro Apple è ormai una realtà.

Si legge nel documento che quanto affermato da Apple sulla privacy e la democrazia, valori sentitissimi, è una tesi “particolarmente debole giacché non riguarda una persona obbligata a parlare pubblicamente ma un’azienda a scopo di lucro alla quale è richiesto di modificare un software commerciale le cui modifiche sono visibili solo ad Apple”. Tra l’altro, come chiarito dal Procuratore, la richiesta riguarda un solo iPhone in un caso di terrorismo internazionale molto serio, e non tutti gli iPhone.

Quanto affermato, però, a nostro parere non è completamente vero: è ben comprensibile da tutti che bucare un singolo iPhone equivale a bucarli tutti, minando, come sostenuto anche dall’ONU, anche la privacy di milioni di altre persone.

Il bilanciamento di interessi, insomma, deve pendere da un lato: l’interesse alla privacy da una parte e la sicurezza nazionale e internazionale dall’altra. Voi cosa scegliereste?