Nella giornata di mercoledì, Apple ha pubblicato una nuova pagina sul sito Web evidenziando le funzionalità di guida del parental control, della sicurezza e della gestione dei contenuti incorporate nei suoi prodotti e servizi, da iPhone a Apple TV. La nuova pagina, che ha preso il nome di “Families”, offre un’ampia panoramica delle protezioni offerte dalle varie piattaforme informatiche di Apple, tra cui iOS, Mac, Apple TV e servizi online come App Store.

“Families”, la nuova sezione di Apple viene incontro ai genitori

apple families

La novità di Apple non coglie di sorpresa. “Families”, infatti, si inserisce all’interno di una serie di iniziative realizzate dalla casa di Cupertino per migliorare la consapevolezza dei genitori sugli strumenti utilizzati dai propri figli, in modo tale da poterli tutelare a pieno. Uno sforzo richiesto dagli stessi investitori, che hanno fortemente evidenziato la necessità di un impegno concreto volto a contrastare la dipendenza da smartphone, che colpisce anche i giovanissimi.

Apple suddivide la pagina in cinque sezioni principali – che diventano sei se si include una breve menzione del programma di formazione dell’azienda, ndr – offrendo suggerimenti e idee ai genitori su come sfruttare al meglio gli strumenti già in uso su iOS, macOS e oltre.

Apple sollecita le rigide politiche riguardanti i contenuti, ricordando ai genitori che possono sorvegliare le attività dei loro figli abilitando restrizioni come Ask to Buy. Altre funzioni di gestione comprendono la possibilità di bloccare gli acquisti in-app.

È inclusa anche una menzione del meccanismo di restrizione di Safari, che consente a genitori o tutori di limitare il contenuto per adulti o di forzare il browser ad aprire solo quei siti che ritengono appropriati.

Una seconda sezione riguarda invece la condivisione della posizione tramite la funzionalità “Trova i miei amici”. Apple rileva che l’app fornisce dati di posizionamento per iPhone, iPad, Mac, Apple Watch e AirPods.