Errore 53 di Apple: ora a Cupertino rischiano la Class Action

Seguici su Google News

Qualche volta anche la Apple commette degli errori: ci troviamo di fronte a uno sbaglio, però, che potrebbe costare all'azienda con sede in Cupertino, addirittura la Class Action. La causa di questa possibilità è stata l'introduzione con il nuovo firmware, iOS 9, di un errore, l'Errore 53 di cui alcuni di voi avranno sentito parlare, e che riesce a bloccare automaticamente gli iPhone che non sono stati riparati in un centro autorizzato Apple. Andiamo a scoprire, dopo il salto, tutte le informazioni sulla possibile class action nei confronti di Apple.

Errore 53

Errore 53: ecco il perché della probabile class action contro Apple

L'Errrore 53 è andato alla ribalta della cronaca grazie al "The Guardian" che ha portato alla conoscenza di tutti il caso del giornalista Antonio Olmos che si trovava, per lavoro, nei Balcani a seguire la crisi dei rifugiati, e a cui si era rotto il display e il tasto home. Vista l'assenza di centri autorizzati Apple per la riparazione dell'iPhone, è dovuto andare in un negozio locale, dove non sono stati utilizzati pezzi originali per la stessa riparazione.

Quando ha aggiornato l'iPhone al firmware 9.2.1., si è trovato il telefono completamente inutilizzabile, a seguito del blocco di Apple, e perdendo tutti i dati (per leggere la notizia completa e originale, potete andare a questo link). Quelli di Cupertino hanno dichiarato che tale sistema è "il risultato di un controllo di sicurezza introdotto per proteggere i clienti".

Ne giorni scorsi vi abbiamo anche parlato di un calo di prestazioni introdotto con questo aggiornamento. Per fortuna è possibile risolvere i problemi di velocità di iOS 9.2 su iPhone e iPad in maniera molto più semplice.

Uno studio Legale di Seattle, il PCVALAW, ha deciso di portare il tutto in tribunale, e ha già depositato una denuncia, in quanto la decisione di Apple di bloccare tali iPhone viola le leggi a tutela del consumatore, facendo un paragone "automobilistico". "E' come se -hanno detto gli avvocati- dopo aver fatto sostituire l'alternatore da un meccanico locale, l'auto no si mettesse più in moto".

La richiesta fatta dagli avvocati, per il momento, è di 5 milioni di dollari. Staremo a vedere.

Seguici su Telegram per ricevere le migliori offerte tech
Argomenti:

Chi siamo?

OutOfBit è un progetto nato nel Maggio 2013 da un’idea di Vittorio Tiso e Khaled Hechmi. Il progetto nasce per creare un sito di blogging che sappia differenziarsi ed appagare il lettore al fine di renderlo parte fondamentale del blog stesso.
Entra nello staff
COPYRIGHT © 2023 OUTOFBIT P.IVA 04140830243, TUTTI I DIRITTI RISERVATI.
Ogni giorno pubblichiamo notizie, guide e recensioni. Non perderti niente, iscriviti alla nostra newsletter!



crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram