Durante l’IFA 2018, la grande fiera della tecnologia che si sta svolgendo in questi giorni a Berlino (fino al 5 settembre, ndr), Huawei ha svelato EMUI 9 basato su Android 9 Pie e ha annunciato anche il programma beta. EMUI 9 beta diventa così disponibile per Huawei Mate 10 / Pro, Huawei P20 / Pro, Honor 10, Honor View 10 e Honor Play. Il programma beta è stato aperto per un numero limitato di utenti per paese.

emui 9 beta pie huawei

Le caratteristiche più importanti di questo nuovo aggiornamento riguardano l’interfaccia utente, che appare decisamente più snella (meno menu da passare) con un design aggiornato. Con questo update è previsto anche un nuovo sistema di navigazione basato sulle gesture (che si distingue dall’implementazione predefinita di Google in Android 9 Pie), ma questo nuovo sistema di controllo non è ancora disponibile nella versione beta. Inoltre, Huawei ha implementato la propria visione del Digital Wellbeing di Google con i controlli parentali incorporati.

Ci sono altre ottimizzazioni nel software che presumibilmente migliorano le prestazioni e “GPU Turbo 2.0”, ma al momento non siamo in grado di dire se le prestazioni siano effettivamente migliorate. Per capire se il lavoro di Google è andato a buon fine è meglio provvedere all’aggiornamento del dispositivo e valutare di persona.

Per essere idoneo per la versione beta, è necessario possedere uno dei seguenti dispositivi: Huawei Mate 10, Huawei Mate 10 Pro, Huawei P20, Huawei P20 Pro, Honor 10, Honor View 10, Honor Play.

Stando a quanto trapelato online nelle ultime ore, sembra siano disponibili solo 100 slot per ciascun paese nel test beta ufficiale. Questo è chiaramente un problema, considerando l’elevato numero di persone che posseggono uno di questi dispositivi. Se si preferisce non aspettare l’aggiornamento, il sito FunkyHuawei.club è riuscito a ottenere l’aggiornamento beta per i dispositivi elencati: tuttavia, non c’è nessuna garanzia che l’update funzioni correttamente.

Android 9 Pie è l’ultimissima versione del sistema operativo realizzato da Google: il gigante di Mountain View l’ha rilasciata da poche settimane.