Con titoli come NES e SNES Classic di Nintendo che arrivano negli scaffali dei negozi praticamente tutti i giorni, è sicuro dire che i giochi retrò sono più popolari che mai. Dai primi tempi di NESticle alle popolari versioni di RetroPie e RecalBox di DIY , l’emulazione dei videogiochi ha permesso ai giocatori più anziani di rivivere la propria infanzia e quella dei più giovani la possibilità di provare i classici.

Come collegare una console di gioco retrò a una TV moderna

Per quanto eccezionale, l’emulazione dei videogiochi presenta alcuni inconvenienti significativi. I controlli di Laggy, i difetti e la scarsa riproduzione dei colori sono tutti potenziali sintomi di emulazione.

Se siete degli amanti dei videogames di moltissimi anni fa e volete in ogni modo riacquistare il brivido delle guerre, allora la vostra unica opzione è mettere le mani sula miglior soluzione possibile che per fortuna esiste. Quindi vi consigliamo di scavare il vostro armadio e rispolverare la vostra vecchia console. Potete praticamente ascoltare la sigla di Super Mario Bros.. C’è solo un problema: non c’è modo di connettere realmente la console alla vostra TV moderna.

Fate un respiro profondo. Non ha senso fare le cose veloci se poi il risultato non è quello desiderato. Controllate prima di tutto le porte sulla vostra TV. Potreste essere in grado di connettere la vostra vecchia console direttamente alla vostra nuova TV senza problemi. Molto probabilmente sarà il caso con i sistemi che si collegano al televisore tramite cavi RCA (compositi), componenti o coassiali.

I cavi RCA sono designati da connettori a tre pin: uno bianco, uno rosso, uno giallo. I cavi componenti, d’altra parte, sono colorati di verde, rosso, blu. Se la vostra TV ha porte con colori corrispondenti, allora non dovete preoccuparvi più di tanto. Tuttavia, tenete bene presente che potrebbe essere necessario regolare le impostazioni dell’immagine sul televisore. La maggior parte dei televisori moderni utilizzano in gran parte automaticamente un rapporto di formato widescreen, che si tradurrà in un’immagine estesa. Quando giocate ai vostri vecchi giochi, il tutto passerà ad un rapporto 4: 3.

Se la vostra console utilizza un connettore coassiale come il NES, dovreste essere in grado di collegarvi senza problemi alla vostra TV. Questo tipo di connessione è comune sulle console più datate, in particolare quelle degli anni ’70 e ’80. Coassiale utilizza l’ingresso dell’antenna sul televisore per fornire segnali audio e video dalla vostra console. Per farlo funzionare, è necessario sintonizzare la TV sul canale appropriato. Ricordatevi sempre di utilizzare il sintonizzatore analogico, non digitale, della vostra TV.

Se la vostra TV non ha nessuna delle porte menzionate sopra, avrete bisogno di utilizzare un adattatore RCA-HDMI . Queste scatole convenienti prenderanno il segnale analogico della vostra vecchia console per convertirlo in digitale che può essere alimentato alla vostra TV tramite HDMI. Inoltre, sono super semplici da configurare. Tutto quello che dovete fare è collegare i cavi RCA rosso, bianco e giallo della vostra console retrò nell’adattatore e collegarlo alla TV tramite HDMI. Ce ne sono tantissime sul mercato e la maggior parte sono ben al di sotto dei 20 euro.

Molte console per videogiochi realizzate dopo la generazione a 16 bit (SNES, Genesis) hanno avuto la possibilità di produrre tramite S-Video. In generale, S-Video è in grado di produrre video di qualità migliore. Detto questo, potreste trovare diverse opinioni online. Se desiderate utilizzare una connessione S-Video, ci sono dei convertitori che effettuano l’upscaling del segnale su HDMI . Funzionano esattamente nello stesso modo del convertitore RCA sopra menzionato.

Poiché S-Cart e’ sempre stato molto più comune in Europa che negli Stati Uniti, questo metodo è decisamente più utilizzato dai lettori europei. Ovviamente, quelli americani hanno sempre la possibilità di utilizzare un cavo da RGB a S-Cart. Ad ogni modo, sarà necessario convertire il segnale analogico S-Cart in HDMI. Fortunatamente, i convertitori S-Cart to HDMI sono disponibili a quantità elevate online.

È probabile che questo metodo si traduca in un intero pasticcio di cavi, lasciando la vostra console di gioco retrò come se fosse un supporto vitale. Tuttavia, se avete provato tutti i suggerimenti sopra senza fortuna, questo metodo potrebbe essere la soluzione più adatta. Se il lettore DVD (o VHS) ha ingressi compositi, component o coassiali sul retro, è possibile utilizzarli come connessione pass-through al televisore. Collegate semplicemente la vostra console al lettore DVD / VHS e cambiate l’ingresso della vostra TV sul lettore DVD / VHS.

La serie RetroN di console per videogiochi di Hyperkin consente agli utenti di utilizzare cartucce controller di gioco retrò. Ad esempio, RetroN 5 è in grado di riprodurre cartucce NES, SNES, Genesis, Super Famicom, Famicom, Gameboy e Gamboy Advance. Inoltre, non sarà necessario confrontarsi con i convertitori poiché RetroN emette segnali audio / video tramite HDMI. Per coloro che hanno tanto denaro da spendere, Analogue rende le versioni moderne di fascia alta adatte vostre console retrò preferite. Gli amanti del gioco potrebbero deridere il tutto perché non giocherebbero ai vecchi titoli sull’hardware originale, ma è uno dei modi più semplici per riprodurre i vostri vecchi giochi sul vostro nuovo TV.

Qual è il vostro metodo preferito per collegare la vostra console di gioco retrò a una TV moderna? Fatecelo sapere nel box dei commenti presente qui sotto.