News

Il collegamento “.new” di Google ora funziona con le voci del calendario

Google Calendar: il logo

Google ha aggiunto un nuovo modo per creare rapidamente voci del calendario quando si utilizza un browser. Se andate su “cal.new” o “meeting.new”, infatti, potrete scoprire una voce vuota di Google Calendar, pronta per poter compilare con i dettagli di un evento.

Google e il collegamento “.new”

Si tratta di una funzionalità di piccole dimensioni, ma grazie a quest’ultima non è necessario aprire l’intero calendario se si desidera solo aggiungere una singola riunione.

Google Calendar scorciatoia .new

Google offre già la possibilità di utilizzare i domini di primo livello “.new” per creare documenti G Suite. Di recente, inoltre, ha esteso la funzionalità alla creazione di note Google Keep con “keep.new”. Basta premere “Ctrl + T” e iniziare a digitare in un nuovo documento o nota, senza nemmeno dover toccare il mouse. Una funzionalità particolarmente apprezzate, che in molti sperano Google possa aggiungere anche ad altri suoi servizi. Non resta quindi che attendere e vedere cosa deciderà l’azienda in merito.

Nel frattempo, inoltre, ricordiamo che la scorciatoia .new può essere utilizzata, come ben saprete, per prendere appunti su Google Keep per Web. Il funzionamento è pressoché identico a quanto già integrato su numerosi servizi G Suite come Documenti, Fogli, Presentazioni e altri ancora. Grazie a .new gli utenti possono creare rapidamente un nota Keep digitando nella barra degli indirizzi una tra le tre diverse scorciatoie messe a disposizione dall’azienda di Mountain View, ovvero note.new; notes.new; keep.new. Ebbene, d’ora in poi potrà essere utilizzata anche per il calendario di Google.


Fonte The Verge

Potrebbero interessarti
AndroidNewsSmartphone

Samsung "cancella" il Galaxy Z Fold 2 dal sito: in arrivo il Galaxy Z Fold 3?

AndroidNewsSmartphone

Huawei sta pensando di cancellare il Mate 50: ecco perché

AndroidNewsSmartphone

Quick Share esteso anche ai prodotti di altri brand: l'idea di Samsung

EditorialeNews

Amazon Prime Day conviene davvero? Le nostre riflessioni