AndroidNews

Clipt, l’app di OnePlus che facilita la condivisione di file tra i dispositivi

clipt oneplus

OnePlus ha appena lanciato una nuova app in grado di semplificare notevolmente la condivisione di file tra dispositivi che funzionano con sistemi operativi differenti. La società di Shenzhen ha chiamato questo nuovo strumento con il nome di Clipt (da non confondere con Clipto, che offre una funzione simile).

clipt oneplus

Il funzionamento della nuova app multipiattaforma è semplice ed intuitivo. Tutto ciò che l’utente “copia” sul suo telefono o sul computer su cui è installato Clipt, diventerà disponibile su tutti gli altri dispositivi che utilizzano la stessa app. Il vantaggio consiste proprio nel fatto che Clipt non si limita a fare questa operazione con i device di un unico ecosistema.

L’app, infatti, permette all’utente di copiare i file dai dispositivi Apple a quelli Android e viceversa, ed è disponibile su qualsiasi computer (PC, Mac o Linux) tramite l’installazione dell’estensione del browser Clipt. Manca ancora la disponibilità per iOS, che è ancora in lavorazione, mentre per gli altri sistemi operativi è già tutto pronto e disponibile per il download.

Per quanto riguarda i computer, Clipt è attualmente disponibile solo come estensione in Chrome: basta avere una scheda di Chrome aperta per far funzionare Clipt su tutto il tuo computer. OneLab, il team di sviluppatori messo in piedi da OnePlus proprio per lavorare a nuove sperimentazioni, è al lavoro per creare il supporto per più browser, concentrandosi principalmente sui browser basati su Chromium, come Brave o Edge.

Clipt è in grado di salvare contemporaneamente fino a dieci degli ultimi elementi copiati. Per poterli visualizzare e incollare su un gadget diverso, è necessario che i dispositivi in ​​questione siano connessi a Internet.

Per poter sfruttare tutte le peculiarità di Clipt è necessario avere un account Google, dato che l’app multipiattaforma funziona crea una cartella nascosta su Google Drive, che viene poi utilizzata per salvare le informazioni nel cloud e renderle accessibili da altrove. I dati sono crittografati, inaccessibili anche per OnePlus.

 


Fonte Phone Arena

Potrebbero interessarti
AndroidGuideGuidePC

Come collegare il tuo smartphone Android con un PC Windows 11

Consigli per gli acquistiNews

9 oggetti fondamentali per sopravvivere a un'apocalisse zombie  

AndroidNewsSmartphone

Galaxy S23 Ultra, la batteria resta da 5.000 mAh (ma il chip è il top)

Consigli per gli acquistiNews

10 smartphone più venduti di Agosto 2022