AppleiPadNews

La carenza di chip colpisce gli iPad Pro: si allungano i tempi di consegna

ipad pro carenza chip

Il 2021 verrà probabilmente ricordato anche come l’anno della carenza di chip. A causa della pandemia di Covid-19 e alla crescente domanda (anche un po’ inaspettata) di nuovi veicoli da parte dei consumatori, le fonderie non sono state in grado di spedire chip nelle quantità ordinate dai produttori. Una carenza pesante, che sembra avere un forte impatto sulle aziende principali. Tra queste c’è ovviamente TSMC, che oltre ad essere la più grande fonderia indipendente del mondo è anche l’azienda che fornisce chip ad Apple, il suo più grande cliente.

ipad pro carenza chip

Come riportato da MacRumors, i tempi di consegna per alcuni modelli di iPhone 11 e iPhone 12 possono arrivare fino a due settimane, ed è spiegabile con l’imminente rilascio della serie iPhone 13. In periodi come questo le scorte degli attuali modelli di iPhone e dei telefoni dell’anno precedente sono molto inferiori poiché Apple inizia a fare spazio per i prossimi “melafonini”.

Una modalità che sembra valere anche per l’Apple Watch Series 6, dato che gli ordini per i modelli con cassa in alluminio richiedono da tre a quattro settimane per la spedizione. A seconda del modello, le varianti in acciaio inossidabile risultano esaurite oppure vengono spedite in tre settimane. Anche in questo caso il ritardo è dovuto al fatto che Apple sta facendo spazio alla serie 7 di Apple Watch, ormai in arrivo.

Nonostante cià, alcuni prodotti del gigante di Cupertino – in particolare quelli alimentati dal chip M1 di Apple – risentono molto della carenza di chip. Tra questi troviamo l’iPad Pro, alimentato proprio con il chip M1: si tratta, come noto, del chipset più potente di Apple, prodotto da TSMC utilizzando il suo nodo di processo a 5 nm. Il chip M1 sfoggia 16 miliardi di transistor e rappresenta un’importante evoluzione rispetto all’A14 Bionic, capace di trasportare 11,8 miliardi di transistor.

In condizioni di normalità, in questo periodo dell’anno gli utenti che ordinano l’iPad Pro hanno quasi sempre garantita la consegna in giornata, a prescindere da dove viene spedito il prodotto. Non in questo periodo: basta guardare il sito Web di Apple per notare come l’azienda californiana mostri una tempistica che va da tre a sei giorni per la consegna dell’iPad Pro, molto probabilmente a causa della carenza di chip M1. Il CEO di Apple Tim Cook, che era responsabile della catena di approvvigionamento dell’azienda prima di salire la scala aziendale, ha dichiarato durante la teleconferenza fiscale del secondo trimestre che ci sarebbe stato un problema con la fornitura di iPad proprio a causa della carenza di chip, aggiungendo che la società statunitense stava cominciando a sentire le conseguenze causata da questa problematica.

Chiaramente non è solo TSMC a dover fare i conti con questo aspetto. Anche altri fornitori stanno riscontrando criticità che potrebbero giocare un ruolo nelle spedizioni degli iPad Pro: ad esempio, Radiant Opto-Electronics, l’azienda che fornisce ad Apple i display mini-LED utilizzati sullo schermo dell’iPad Pro da 12,9 pollici, non è stata in grado di produrre il numero di display di cui la “Mela” ha bisogno. Questa difficoltà ha costretto il colosso con sede a Cupertino a cercare ulteriori fornitori.

 


Fonte Phone Arena

Potrebbero interessarti
AndroidNewsTablet

Nokia lancerà il tablet T20 il 6 ottobre (e forse anche uno smartphone)

AndroidNewsSmartphone

Google dovrebbe presentare ufficialmente i Pixel 6 il 19 ottobre

Apple

Apple lancia iOS 15: tutte le novità e gli iPhone compatibili

AccessoriAppleConsigli per gli acquistiiPhone

Migliori caricabatterie per iPhone 12 e iPhone 13: quale comprare?