Apple ha deciso di sbarragliare la concorrenza ed ha iniziato una campagna di miglioramento delle condizioni dei partner, passando da una percentuale del 60% a quella del 70 % per quanto riguarda i compensi per gli sviluppatori nelle campagne iAd. Quindi Apple sta effettuando una serie di azioni sul proprio listino, con tagli e trasferimenti, per rendere migliore la propria piattaforma pubblicitaria, rispetto a quella di Google.

L’aumento dei compensi sulla pubblicità per un totale del 10% servirà a coprire tutta una serie di spese, visto l’aumento delle tariffe e inoltre svolgerà la funzione di incentivo per gli sviluppatori a basare i propri affari sulla programmazione per i dispositivi Apple, piuttosto che per quelli Google e Android.

Il cambiamento ha effetto immediato, ed è indice della volontà di Apple a proseguire con il proprio sistema pubblicitario.