Il caso scoppiato due anni fa, che vedeva Apple e Motorola contendersi la registrazione e la violazione di alcuni brevetti, verrà dismesso. A prendere questa decisione definitiva è stato il giudice Richard Posner della Corte Distrettuale dell’Illinois. Il rapporto di 38 pagine stilato dal giudice stesso sta facendo il giro della rete in queste ultime ore e spiega come nessuna delle due società in causa sia in grado di dimostrare chiaramente quali danni abbia subito. Quindi l’uomo ha convenuto di chiudere una vicenda che era ormai giunta ad una fase di stallo. Nel 2010 la causa ruotava attorno a varie presunte violazione di brevetti, oggi la situazione è di quattro proprietà intellettuali di Apple ed una di Motorola.
La conclusione di questa vicenda pare essere sicuramente un punto positivo per Motorola che ha dichiarato ufficialmente attraverso un comunicato stampa:

“Siamo contenti che le accuse di Apple sono state respinte, la campagna di denuncia ebbe inizio con l’accusa di violazione di ben 15 brevetti ed ora è finita in nulla, per quanto riguarda la violazione di nostri brevetti Motorola farà di tutto per proteggere il proprio patrimonio intellettuale con ogni mezzo ed in ogni sede”.

Apple, invece, non si è ancora espressa apertamente in merito al verdetto del giudice Posner e si presume che possa presto chiedere un altro appello.