E ‘ormai abbastanza chiaro che Apple sta investendo pesantemente nella produzione e lavorazione di vetro zaffiro per i suoi prodotti futuri, compreso l’iPhone6. Lo zaffiro non è un nuovo materiale, ma è solo negli ultimi anni, grazie a migliori metodi di produzione, che abbiamo iniziato a vederlo usato commercialmente.

vetro zaffiro


La fotocamera dell’iPhone5 è stato protetta da un piccolo pezzo di vetro zaffiro, e il nuovo scanner di impronte digitali nel pulsante home dell’iPhone 5S è realizzato in vetro zaffiro. Storicamente, lo zaffiro è stato utilizzato per la copertina di orologi da polso di fascia alta. Ora, sembra che Apple si appresta a lanciare un iPhone o iWatch con tutta la sua faccia anteriore protetta da vetro in zaffiro. Perché ora Apple si è sbilanciata verso il vetro in zaffiro? E il famigerato Gorilla Glass?

Che cosa è il vetro in zaffiro?

Lo zaffiro è creato sinteticamente, utilizzando un processo simile a come l’industria dei semiconduttori crea i singoli cristalli di silicio (il processo Czochralski). In sostanza, un piccolo pezzo di zaffiro (un cristallo) viene immerso in una vasca di allumino fusa (Al2O3) e poi lavorato a formare cristalli a forma di “carota” chiamati boules. Questi cristalli vengono poi tagliati e lucidati (per le fasi di lavorazione se siete interessati vi rimandiamo a wikipedia).

E ‘soprattutto per ragioni di costo che il vetro zaffiro è storicamente stato utilizzato solo in piccole quantità o in ambienti militari, per le finestre infrangibili e simili.

Vetro zaffiro, tranne che per il suo costo, ha alcune qualità incredibilmente desiderabili. E’ altamente trasparente tra 150nm (ultravioletto) e 5500nm (lontano infrarosso), molto più forte del vetro normale, ed è uno dei materiali più resistenti ai graffi in tutto il mondo – i punteggi 9 sulla scala di Mohs, uno appena più in basso del diamante che ha punteggio 10, e un bel po’ di più rispetto al Gorilla Glass che ha punteggio circa 7. La sua trasparenza, più la sua temperatura di fusione molto elevata (~ 2.000 C) e ad alta conducibilità termica, lo rendono praticamente particolarmente adatto per l’utilizzo in lampade ad arco, tubi laser, e altri casi d’uso estremo. E’ altamente resistente agli acidi e altre sostanze caustiche.

In breve, è un materiale straordinario che è quasi perfettamente adatto per faccia anteriore di iPhone 6 o iWatch – fintanto che può essere prodotto economicamente. Presumibilmente, con il recente investimento di Apple nel GT Tecnology, la società prevede di iniziare la produzione di vetro zaffiro in un impianto in Arizona.

Che dire Gorilla Glass di Corning?

L’attuale re del vetro per smartphone è il Gorilla Glass, che è fondamentalmente temperato vetro alluminosilicato. Il Gorilla Glass in realtà non è così forte in termini assoluti, ma considerando il suo basso costo, peso e spessore. Nel video qui sotto, potete vedere la relativa resistenza al graffio del Vetro zaffiro vs Gorilla Glass.

Ci sono due fattori qui che rendono il Gorilla Glass più desiderabile di zaffiro: costi e spessore. Già nel marzo 2013 un analista del GT Advanced Technologies ha detto che un vetro zaffiro per smartphone costerebbe 30$. In confronto, lo stesso pezzo di Gorilla Glass costa $ 3. Nel video qui sopra, GT spiega il vetro zaffiro è circa 3-4 volte più costoso del Gorilla Glass. Corning dice che il vetro zaffiro non è abbastanza sottile – anche se, nel marzo 2013, sembrava che GT avesse acquisito una tecnologia che permetterebbe la creazione di fogli sottili di vetro zaffiro.

Il costo è quasi certamente sceso negli ultimi 12 mesi, anche se chissà quanto dovrebbe ancora abbassarsi prima che Apple (e di altri produttori di smartphone) considereranno redditizia per una produzione di massa.

Siete curiosi di questa sfida Vetro zaffiro vs Gorilla Glass?