Bloomberg ha pubblicato un report decisamente interessante incentrato sulle strategie che Apple potrebbe adottare nel 2017 per il suo comparto audio. Il rinnovamento sarà profondo e passerà soprattutto attraverso i nuovi AirPods di terza generazione.

airpods

Sì, perché la seconda generazione degli auricolari in-ear dovrebbe comunque essere lanciata nel prossimo autunno: saranno però poche le novità (arriverà probabilmente il supporto a Siri e la possibilità della ricarica wireless) a differenza di quanto dovrebbe invece accadere nel 2019.

In quel caso assisteremo al primo profondo rinnovamento degli AirPods. Per prima cosa si punterà sulla resistenza all’acqua (pioggia e sudore restano i principali nemici…) mentre verrà aumentata anche la qualità del suono grazie a nuove funzionalità che punteranno alla cancellazione del rumore. Non solo: gli AirPods di terza generazione potranno vantare un raggio d’azione molto più esteso di quello attuale (ovviamente tenendo in conto la posizione del device associato), mentre la grande novità dovrebbe essere rappresentata dalla presenza di un sensore biometrico che sarà capace di misurare la frequenza cardiaca. Non male, davvero, soprattutto se dovesse arrivare anche un piccolo restyling.

Bloomberg, però, non si ferma agli AirPods. Per il 2019 Cupertino sarebbe decisa, finalmente, anche a lanciare la seconda generazione di HomePod. Dello speaker intelligente e delle ragioni che ne hanno causato il flop abbiamo discusso tanto anche sulle pagine di OutOfBit, i tanti rumors che per mesi hanno parlato di un arrivo di una versione più economica d’improvviso sono svaniti e dopo il WWDC praticamente non se n’è più parlato. Probabile, comunque, che HomePod 2 arriverà nella prima metà del prossimo anno e che la produzione sarà affidata agli stabilimenti Foxconn.

La chiusura è dedicata ai nuovi auricolari over-ear che non dovrebbero più portare il marchio Beats, ormai al tramonto. Bloomberg, però, sottolinea l’assoluta qualità dell’accessorio, degna di cuffie da studio di registrazione. Non vediamo l’ora…