Android O, presto potremmo scoprire un sistema di notifiche ridisegnato, la modalità “Picture in Picture” e le applicazioni “galleggianti”.

Android O

Android O, cosa dobbiamo aspettarci? Per almeno due mesi, l’attesa sarà grande. Poi, in occasione dell’evento Google I/O che si terrà dal 17 al 19 maggio, Big G dovrebbe presentare al mondo Android O, che secondo alcuni potrebbe essere chiamata Android Oreo. Il rilascio è atteso in autunno. Secondo le prime indiscrezioni, potremmo trovarci davanti a un sistema di notifiche ridisegnato.

Le notifiche dovrebbero essere sincronizzate tra i vari dispositivi e ordinate in maniera intelligente. Anche l’aspetto delle notifiche dovrebbe apparire totalmente nuovo attraverso alcune funzioni dinamiche, come le date del calendario, e nuovi badge di notifica.

E ancora: si parla della modalità “Picture in Picture” e delle applicazioni “galleggianti” che sarebbero disponibili per tutti i dispositivi. Sul fronte autonomia, gli ingegneri di Big G sarebbero impegnati a limitare le attività in background delle applicazioni su Android O. Lo strumento, comparso su Chrome 57, permette agli utenti di ridurre il consumo di energia delle schede anche del 25% in modo da prolungare la durata della batteria.

Parliamo anche di Copy Less. Mettiamo il caso che decidiate di interrompere la conversazione con un amico su dove andare a cena per trovare un locale su Tripadvisor. Riprendendo la chat iniziale, il nome del ristorante trovato vi verrà suggerito automaticamente, senza la necessità di fare copia/incolla.

9to5Google, infine, parla anche di una toolbar galleggiante per il testo. Il livello di attendibilità delle informazioni, al momento, è di 7 su 10.