Dopo tanto parlare, la scorsa settimana Android 9 Pie è stato finalmente ufficializzato da Google, che ha cominciato a distribuirlo sui telefoni Pixel e su Essential Phone. Tuttavia, il gigante della tecnologia ha annunciato che avrebbe lavorato con diversi OEM Android per inviare l’aggiornamento ai propri dispositivi.

android pie

Sono emersi nuovi sviluppi che rivelano che alcuni dispositivi del marchio HTC, ovvero U12 +, U11 +, U11 e U11 Life saranno aggiornati al sistema operativo Android più recente, le cui scadenze saranno rivelate “a tempo debito”, come rivelato dalla stessa azienda taiwanese.

Anche altri sei smartphone Sony riceveranno Android 9 Pie entro la fine dell’anno. L’aggiornamento, infatti, verrà distribuito su Xperia XZ2, XZ2 Compact, XZ2 Premium, XZ1, XZ1 Compact e XZ Premium: a riportarlo è il sito GizChina. Il report specifica che questi smartphone Sony verranno aggiornati tra settembre e novembre di quest’anno.

L’arrivo dell’ultima versione del sistema operativo realizzato da Google sui telefoni HTC è stato confermato tramite un tweet sull’account ufficiale dell’azienda del CEO Cher Wang. Inoltre, è stato precisato che HTC U11 Life riceverà un aggiornamento tramite il programma Android One.

Come molti ricorderanno, il produttore cinese di telefoni cellulari Vivo ha già confermato che Android 9.0 Pie verrà lanciato sul Vivo X21 e su altri telefoni di prim’ordine entro il quarto trimestre del 2018, ovvero tra ottobre e novembre di quest’anno. Anche Xiaomi, uno dei marchi più gettonati negli ultimi tempi, ha annunciato che l’aggiornamento MIUI 10 beta basato su Android 9 di Xiaomi Mi Mix 2S verrà presto aperto ai tester.

Si prevede che anche altri OEM come OnePlus, HMD Global e Oppo, registrati nel programma beta di Android, aderiranno presto a questo elenco: praticamente tutte le aziende principali doteranno i loro top di gamma della versione 9.0.

Sui telefoni che hanno già ricevuto l’aggiornamento stabile, inclusi i telefoni Pixel, è possibile installare l’update accedendo a Impostazioni e successivamente Aggiornamenti software.