AndroidNews

Android 13, ecco la prima beta: tutti i telefoni Pixel compatibili

android 13 google

In linea con la tabella di marcia annunciata qualche tempo fa, Google ha rilasciato ieri la prima beta di Android 13 dopo le due Developers Preview delle scorse settimane. Se la “roadmap” verrà confermata, assisteremo al lancio di quattro versioni beta della build – una ogni mese – fino all’introduzione della versione finale di Android 13, prevista per il mese di agosto o al massimo a settembre. Molti dettagli su Android 13 verranno rivelati da BigG durante il Google I/O, che prenderà il via mercoledì 11 maggio.

Come noto, gli utenti possono anche scegliere di diventare beta tester di Android 13, anche se ovviamente questa mossa comporta dei rischi, specialmente con la prima versione beta. Le funzionalità, infatti, potrebbero presentare delle problematiche; inoltre, la durata della batteria sarà ridotta e il software sarà caratterizzato da alcuni difetti. La stabilità della piattaforma inizierà con la versione beta di giugno, pertanto il consiglio è quello di aspettare un po’.

google android 13

Tuttavia, gli utenti che sono in possesso di un dispositivo Pixel compatibile (ovvero Pixel 4/4 XL, Pixel 4a, Pixel 4a 5G, Pixel 5, Pixel 5a, Pixel 6/6 Pro) e desiderano installare già la prima beta di Android 13, possono farlo recandosi sul Programma Android Beta per Pixel e toccando il banner che dice “Visualizza i tuoi dispositivi idonei”.

Si verrà quindi indirizzati a una pagina che mostra un’immagine del proprio Pixel: cliccando sulla relativa opzione, gli utenti otterranno un aggiornamento software OTA entro le successive 24 ore, che potranno poi installare andando su Impostazioni, poi su Sistema e infine su Aggiornamento software.

Non ci sono cambiamenti sostanziali con Android 13, almeno non allo stesso livello di Android 12. Tuttavia, con questa nuova evoluzione del robottino verde il gigante di Mountain View ha voluto puntare molto sull’aumento di privacy e sicurezza introducendo un nuovo Quick Setting, ripristinando il Non Disturbare e obbligando le app a richiedere autorizzazioni più dettagliate per avere accesso ai file multimediali.


Fonte Phone Arena

Potrebbero interessarti
AppleMacNews

MacBook Pro M2, SSD più lenti rispetto al MacBook Pro M1

AppleiPhoneNews

iPhone 14 Pro, Always-On mostrerà i widget nella schermata di blocco

AndroidNewsSmartphone

Galaxy S22 Ultra arriva in una collezione limitata (con il Galaxy Watch 4)

AndroidNewsSmartphone

Chrome OS 103, Chromebook e smartphone Android collaborano meglio