Editoriale

Smartphone, le abitudini sbagliate che bisognerebbe eliminare

Le abitudini sbagliate con lo smartphone

Il mondo cambia costantemente e il propulsore più grande è senz’altro l’innovazione, che offre vantaggi e svantaggi alle persone. Nel 2020, un dispositivo apparentemente insostituibile è lo smartphone. I continui aggiornamenti hanno reso questo oggetto – inizialmente concepito per effettuare chiamate e inviare SMS – un vero e proprio piccolo PC sempre a portata di mano. Sono infinite le potenzialità di questo dispositivo: navigare su internet, consultare le e-mail, restare in contatto con i propri cari, scrivere appunti, scattare foto, giocare e molto altro. “Da un grande potere derivano grandi responsabilità”, disse un celebre personaggio dei fumetti (Ben Parker, lo zio di Spider-Man). Questa frase può oggi certamente descrivere il rapporto tra uomo/smartphone: si tratta di un prodotto capace di nascondere innumerevoli potenzialità, però anche le responsabilità aumentano.

Lavorare con lo smartphone

Elon Musk – CEO e CTO di SpaceX – disse, probabilmente riferendosi anche ai dispositivi come smartphone e tablet, che non dovremmo avere paura di diventare cyborg, perché già lo siamo. Oggi voglio parlarti di alcune comuni abitudini diffuse tra gli utenti che dovrebbero assolutamente essere eliminate, così da vivere meglio con sé stessi e con gli altri.

Guardare costantemente lo smartphone

A chi non è successo di trovarsi in compagnia di una persona che non riesce a togliere lo sguardo dal proprio smartphone per più di un minuto? La dipendenza da smartphone è uno dei problemi principali legati a questo fantastico prodotto. Diversi studi hanno rivelato che questa vera e propria patologia è strettamente collegata con depressione, ansia e comportamenti compulsivi. Anche per quanto riguarda la socialità, questo potrebbe rappresentare uno scoglio da superare assolutamente.

Il campanello d’allarme dovrebbe scattare dopo queste condizioni:

  • Non riesci a resistere senza guardare lo schermo del tuo smartphone;
  • Dimenticarlo a casa comporta ansia e preoccupazione;
  • Pensare di aver perso il telefono rappresenta un’esperienza terrificante;
  • Posizioni il telefono vicino al tuo letto quando vai a dormire.

Come per ogni altra dipendenza, anche quella da smartphone può essere superata adottando uno stile di vita diverso. Prima di tutto, devi essere consapevole che si tratta di un problema ed entrare nell’ottica che dovrai riuscire a oltrepassare l’ostacolo. Ti consiglio di adoperare lo strumento riconosciuto come “Benessere digitale”: si tratta di una sezione, disponibile in quasi tutti i dispositivi, in cui è possibile conoscere il tempo di attività del dispositivo, impostare avvisi, lo spegnimento automatico e molto altro.

Altro modo per superare questo problema è intrattenerti con lunghe passeggiate, da solo o in compagnia, senza smartphone. Se noti che il problema persiste, ti consiglio di consultare un esperto, che saprà certamente indirizzarti verso la strada migliore per te.

Qualcuno utilizza lo smartphone mentre consuma un pasto

Foto di freestocks su Unsplash

Scattare foto e registrare video duranti gli eventi

Ogni anno partecipo a diversi eventi dal vivo, come concerti, e vado spesso a vedere film al cinema. Durante gli ultimi tempi, sono sempre più numerose le persone che, semplicemente, rendono la loro esperienza nettamente peggiore. Alcuni utenti, invece di godersi lo spettacolo, tendono a scattare foto e registrare video, per pubblicarli nei social network o per conservarli come “preziosi ricordi”. Questo rappresenta solitamente il modo peggiore per assistere a un evento. Ad esempio, hai pagato il biglietto di un concerto per guardarlo dal vivo, perché filtrarlo attraverso il display dello smartphone? Inoltre, potresti rovinare il momento anche alle persone dietro di te, che si troveranno con una parte della visuale occupata dalle tue braccia. In questo caso, la soluzione è semplice: non utilizzare lo smartphone, vivi l’evento al meglio e, soprattutto, divertiti!

Alcuni smartphone alzati durante un concerto

Foto di Gian Cescon su Unsplash

Utilizzare lo smartphone da ubriaco

Sarebbe meglio che non accadesse, ma a chiunque può capitare di alzare un po’ il gomito. In questi momenti, in cui le funzioni cognitive sono alterate, è imprudente, per diverse ragioni utilizzare lo smartphone. Potrebbero accadere piccole catastrofi, come inviare un messaggio alla propria ex, oppure utilizzare un social network – come Facebook o Instagram – nel modo sbagliato. La condizione ideale sarebbe non bere, ma se proprio devi farlo, meglio far custodire il tuo smartphone ad un amico fidato.

Un boccale di birra

Foto di Gerrie van der Walt su Unsplash

Utilizzare lo smartphone alla guida

La cosa più stupida che gli utenti possono fare è utilizzare lo smartphone mentre si trovano alla guida di un qualsiasi veicolo. In queste situazioni è necessario prestare la massima attenzione alla strada, per evitare terribili conseguenze. Basta una semplice occhiata al proprio smartphone per causare un incidente. Per la propria sicurezza, quella degli altri passeggeri e delle persone all’esterno, l’autista deve focalizzare la propria attenzione sulla strada.

Una persona utilizza la smartphone alla guida

Foto di Marlon Lara su Unsplash

Utilizzarlo nei momenti meno opportuni

Oltre all’utilizzo dello smartphone alla guida, un altro errore è quello di adoperare questo strumento nei momenti meno opportuni. Un esempio? Mentre si cammina. Guardando lo schermo del tuo smartphone potresti ad esempio non vedere un palo davanti a te, urtare contro i passanti o chissà cos’altro.

Un uomo cammina lungo una strada guardando il proprio smartphone

Foto di Arthur Edelman su Unsplash

Condividere eccessivamente sui social

Altra mania – perché in fondo di questo si tratta – è condividere decine e decine di post e storie sui propri profili social. Per quanto possa sembrare “interessante” rendere un pubblico più o meno grande partecipe della propria vita, in realtà potrebbe infastidire i follower. Occorre una misura per ogni cosa: condividi pochi contenuti, ma di qualità, e vedrai che i tuoi seguaci ne saranno felici.

Con la “rivoluzione” introdotto da Instagram con le storie, gli utenti spesso catturano ogni istante della propria vita, eliminando totalmente la propria privacy e disturbando potenzialmente i propri seguaci. Alla lunga, questa operazione potrebbe addirittura danneggiare il tuo profilo Facebook o Instagram: l’ideale sarebbe pubblicare 1 o 2 post al giorno. Vuoi ottimizzare o modificare la tua pagina Facebook? Allora non perdere il nostro articolo dedicato.

Un utente scatta una foto al cibo

Foto di Eaters Collective su Unsplash

Conclusione

Chiaramente, come abbiamo avuto modo di vedere, esistono delle abitudini sbagliate legate allo smartphone che potrebbero rendere peggiore la vita degli utenti e quelle delle altre persone. Il cambiamento è sempre possibile e focalizzando la propria attenzione su questi problemi sarà certamente possibile superarli.


Fonte PhoneArena

banner telegram - canale offerte

Bio autore

Nato a Catania, ho da sempre un legame quasi viscerale, ma razionalmente motivato, con il cinema, i videogiochi, la tecnologia, i fumetti, la televisione, l’arte e la musica, attenzionando anche i diversi modelli o paradigmi socio-culturali. Ho collaborato con diversi giornali, trattando svariate tematiche. Sono un appassionato di rock e metal, delle opere di Quentin Tarantino e delle nuove tecnologie.
Potrebbero interessarti
Consigli per gli acquistiEditoriale

Perché non dovresti acquistare PlayStation 5 Digital o Xbox Next Gen

AndroidEditorialeGuide

Harmony OS: cos'è e tutto quello che c'è da sapere sul sistema operativo di Huawei

AppleEditorialeGuideGuideMacPCWindows

Migliori emulatori per PC con Windows, Mac e Linux

Editoriale

Il riconoscimento facciale alla prova delle mascherine: lo scenario