Entriamo nel mondo dei tablet, nonostante siano passati di moda hanno ancora un grande fascino – e una grande utilità – per chi è alla ricerca di dispositivi utili per disegnare e scrivere

I migliori tablet per scrivere e disegnare

C’èra una volta il fantastico mondo dei tablet e, forse, oggi non c’è più; ma non è tutto perduto, anzi forse la ‘crisi’ del settore ‘generico’, ha permesso il successo e il potenziamento di quelli specifici, come quelli per scrivere e disegnare. Ecco quindi il motivo della nostra selezione dei migliori tablet per disegnare e scrivere.

I migliori tablet

Scopriamo i 5 migliori tablet sul mercato da acquistare per chi è alla ricerca di dispositivi per scrivere e disegnare.

Samsung Galaxy Tab S3

Samsung Galaxy Tab S3

Il Samsung Galaxy Tab S3 è uno dei migliori tablet con il sistema operativo Android e con il miglior supporto per la digitalizzazione, ovvero Wacom. Dal design molto sottile il Tab S3 ha un display SuperAMOLED da 9.7” e risoluzione QHD con colori accessi e un dettaglio meraviglioso, anche grazie alla tecnologia HDR. A livello tecnico troviamo il processore Qualcomm Snapdragon 820, 4GB di RAM, 32GB di memoria interna, una fotocamera da 13MP e una batteria da 6000mAh. In aggiunta c’è la S Pen che raggiunge i 4096 livelli, il risultato migliore tra i tablet. Inoltre è disponibile anche una versione con connettività 4G/LTE con slot dedicato per la scheda SIM.

Asus Zenpad 3S 10

Asus Zenpad 3S 10

Tra i migliori tablet (in assoluto!) c’è sicuramente l’Asus Zenpad 3S 10, dotato di pennino Z-Stylus (non inclusa nella confezione originaria) in grado di raggiungere i 1024 livelli di pressione (non il massimo, ma comunque un ottimo livello). Dal punto di vista tecnico lo Zenpad 3S 10 è un tablet ideale per chi scrive, con un display da 9.7” in formato 4:3, con risoluzione da 2048×1536 con tecnologia Asus Splendid, processore MediaTek MT8167 da 2.1GHz, 4GB di RAM e 64GB di memoria interna e una battteria da 5900 mAh che ne garantiscono un uso intensivo prolungato per 4-5 ore.

Lenovo Yoga Book

Lenovo Yoga Book

Un po’ diverso dai tablet tradizionali, ma non per questo meno interessante: ecco il Lenovo Yoga Book. È un dispositivo suddiviso in due parti: una sorta di tavoletta grafica, ma con il display incorporato. La novità sorprendente è che si possono utilizzare dei normali fogli di carta da mettere sopra la parte dedicata alla scrittura, prendere appunti e trasferire in automatico tutto quello che con l’inchiostro è stato scritto sul foglio in digitale. Per scrivere direttamente in digitale, invece, abbiamo la Real Pen, che raggiunge i 2048 livelli. Lo YogaBook è un tablet con Windows 10 Pro, display FullHD IPS da 10.1”, processore Intel Atom x5-Z8550, 4GB di RAM e 64GB di memoria interna. Anche per questo tablet è presente una versione con il modulo 4G/LTE.

Microsoft Surface PRO

Microsoft Surface PRO

Anche Microsoft è presente sul mercato dei tablet con il suo Surface PRO, un tablet molto interessante soprattutto per la penna, la Surface Pen (4096 livelli), venduta separatamente ma dalla quale sarà poi difficile separarsi. A livello tecnico abbiamo un tablet da 12.3” con risoluzione di 2736×1824 QuadHD+, processore che va dall’Intel Core M all’Intel Core i7, 4/16GB di RAM e 128GB/1TB di memoria interna con hard disk SSD PCle. Un punto di merito per questo tablet è anche quello di essere fanless, ovvero privo di ventole e quindi senza problemi di surriscaldamento e di rumore.

Apple iPad Pro

Apple iPad Pro

Non possiamo concludere la nostra selezione dei migliori tablet con il noto Apple iPad Pro e la relativa penna, l’Apple Pencil (4096 livelli). La versione da 10.5” che è anche la più recente (ma esiste anche quella da 12.9”) ha un display con una risoluzione 2224×1668, con una fedeltà grafica impressionante, praticamente la migliore in circolazione e un design favoloso con la scocca in metallo. Anche dal punto di vista delle prestazioni il tablet di Apple non scherza: processore Apple A10X Fusion, 4GB di RAM e 64GB di memoria interna e una batteria che garantisce un’autonomia di circa 11 ore e mezza. Anche per l’iPad Pro è disponibile una versione LTE.

Come (e perché) scegliere un tablet

Abbiamo quindi visto i migliori tablet in circolazione per scrivere e disegnare. Come abbiamo anticipato – e com’è facilmente visibile prestando un po’ di attenzione al settore e al mercato tecnologico – i tablet non stanno ottenendo il risultato sperato. Dopo un periodo iniziale interessante le aspettative non sono state confermate. Questo però non deve far disperare, per molti aspetti, invece, si è rivelato provvidenziale per sottrarre i tablet dalla ‘mediocrità’ di dispositiva destinati a tutti, all’eccellenza di dispositivi pensati per pochi, come chi scrive e disegna, ma che sappiano sfruttare e apprezzare le caratteristiche tecniche specifiche.

Nella scelta dei tablet bisogna tenere in considerazione diversi aspetti. Oltre alle caratteristiche tecniche in termini di processore, grandezza del display, autonomia e capacità della memoria, bisogna fare un’analisi su questa categoria di prodotti.

A differenza di quanto si possa pensare, i moderni tablet offrono un’esperienza di scrittura e disegno molto alta, quasi pari a quella su carta, con tutti i vantaggi che la digitalizzazione comporta.

E le tavolette grafiche?

A tal proposito va fatta una menzione per le tavolette grafiche. Meglio queste o i tablet? A parità di condizioni, chiaramente, è preferibile un tablet che offre molte più funzionalità e prestazioni. Le tavolette grafiche non hanno un display e devono essere necessariamente collegate ad un pc (o ad un tablet), motivo per cui, nella scelta tra queste due categorie, è preferibile orientarsi sul tablet che, se di ottima qualità, può offrire prestazioni importanti anche sotto l’aspetto grafico.

Le tavolette grafiche

Tornando all’analisi delle ragioni su come scegliere tra i migliori tablet per scrivere e disegnare, bisogna poi tenere in considerazione il sistema operativo e la presenza del pennino. In entrambi i casi non esistono regole assolute valide per tutti, ma bisogna fare discorsi specifici sulle esigenze e le necessità cui questi dispositivi devono assolvere. Android, Windows e iOS hanno peculiarità differenti, pur offrendo entrambi standard elevati; ma se si ha uno smartphone Apple sicuramente si riuscirà a sfruttare meglio le potenzialità di un tablet con lo stesso sistema operativo (e viceversa con Android). Stesso discorso per quel che riguarda il pennino: non tutti i tablet ne sono dotati e non in tutti i tablet sono inclusi nelle confezioni; bisogna valutare se rispondono alle proprie necessità e, di conseguenza, scegliere se orientarsi verso tablet con o senza questo accessorio.