Stai leggendo
Come eseguire applicazioni Windows su Mac in maniera efficiente

Come eseguire applicazioni Windows su Mac in maniera efficiente

di Khaled Hechmi14 luglio 2017

Utilizzare Mac è davvero semplice ma a volte è necessario utilizzare qualche programma Windows: scopriamo come fare!

I Mac hanno un eco-sistema di software davvero flessibile, ma alcuni programmi sono purtroppo disponibili esclusivamente per Windows. Come puoi trovare una soluzione al problema? Se ad esempio desideri utilizzare dei software aziendali o eseguire dei giochi per PC Windows, sappi che esistono ben 5 modi per eseguire software Windows su Mac. Ma quali sono? Scopriamolo insieme.



Come eseguire app Windows su Mac: le 5 migliori modalità

Scopriamo come utilizzare le app Windows su Mac

1. Virtual Machine

Il primo modo per eseguire software Windows su Mac è utilizzare un programma di Virtual Machine, come ad esempio Parallels oppure VMWare Fusion: in questa maniera, sarai perfettamente in grado di avviare i tuoi programmi preferiti anche su PC Apple. Se invece desideri avviare un gioco, noi ti consigliamo programmi ottimizzati come Boot Camp. Ma di cosa stiamo parlando, nello specifico? Una virtual machine è un sistema molto agile per installare Windows facendo credere al Mac che stai avviando un suo programma proprietario, lanciandolo direttamente sul desktop. Questo significa ovviamente che dovrai comunque avere una licenza per avviare Windows. In alternativa ai software visti poco sopra, puoi utilizzare anche VirtualBox, che è gratuito ma che non è esattamente eccellente. Noi ti consigliamo, dunque, di utilizzare un programma a pagamento.

2. Boot Camp

Se il tuo desiderio è avviare un gioco Windows su Mac, sappi che le Virtual Machine non sono una scelta azzeccatissima, soprattutto perché faticano nel gestire il 3D. Ed ecco che qui entra in gioco Boot Camp: un programma che ti consente però di utilizzare un solo sistema operativo (nel nostro caso Windows), e che ti costringerà dunque a riavviare il Mac. Installare Windows come sistema operativo integro è la scelta migliore per utilizzare i suoi videogiochi, ma anche per usare programmi che richiedono alte prestazioni del computer. Il lato negativo è ovviamente il fatto che non potrai utilizzare applicazioni del Mac quando avvii Windows, e viceversa. Anche in questo caso, per installare Windows dovrai avere una licenza.

3. Wine

Wine è una specie di convertitore di codice, il cui scopo è appunto quello di convertire programmi per Windows su altri sistemi operativi: è stato realizzato per Linux, ma si è velocemente diffuso su altre piattaforme, data la sua natura così speciale. In altri termini, utilizzare Wine è sempre un rischio, dato che la traduzione del codice non potrà mai essere perfetta, ed è dunque frequente che tu possa scontrarti con bug di diverso genere: ma vale la pena fare sempre un tentativo. Nonostante tutti i problemi, Wine è una soluzione obbligata se non hai una licenza Windows, proprio perché non richiede l’installazione del suddetto sistema operativo. Ed è anche completamente gratuito: devi semplicemente scaricare la versione per MacOS, avviarla, caricare il programma per Windows, incrociare le dita e vedere se funziona o meno.

4. CrossOver Mac

CrossOver Mac è un software a pagamento realizzato dal team di CodeWeavers, il cui scopo è ovviamente quello di eseguire i programmi Windows su Mac. La suddetta applicazione utilizza il medesimo codice di Wine (che è open-source essendo stato realizzato su Linux) ma lo impreziosisce con un’interfaccia grafica più piacevole. Inoltre, il codice di questo programma è ottimizzato per la “traduzione” dei programmi Windows più noti, dunque potresti avere maggiori possibilità di funzionamento, se scegli di eseguire su Mac un software Windows famoso. E se uno dei programmi ufficialmente supportati da CrossOver Mac non dovesse funzionare, puoi contattare CodeWeavers e aspettare che risolvano il problema per te: questo perché il suddetto team tiene molto al suo progetto e lo aggiorna costantemente, dunque il programma viene sempre migliorato anche per via delle segnalazioni degli utenti che lo utilizzano. D’altronde ricorda che stai pagando, quindi è un servizio che ti è dovuto.

Inoltre, CrossOver Mac ti concede anche un trial gratuito, così da permetterti di capire se il programma che vuoi lanciare su Mac funziona realmente oppure no. Puoi anche consultare la lista dei software Windows supportati, prima di acquistarlo. Purtroppo, essendo comunque basato sul codice di Wine, non avrai mai la certezza che funzioni a meraviglia, dato che anche in questo caso i bug sono all’ordine del giorno. Da sottolineare che questo programma consente anche di avviare i giochi, offrendoti prestazioni migliori rispetto ad una virtual machine: ma il rischio dei bug è sempre presente. Di contro, proprio come per Wine, non devi installare Windows e dunque non hai bisogno di alcuna licenza.

5. Remote Desktop

L’ultimo dei modi per eseguire software Windows su Mac è Remote Desktop: un’interfaccia che potrai utilizzare se possiedi già un PC Windows e desideri utilizzare il sistema operativo su Mac tramite accesso in remoto. Considera che questa è la scelta migliore per giocare ai videogames Windows, e che puoi accedere al tuo Windows direttamente dall’interfaccia del browser Google Chrome. Considera comunque che ognuno dei metodi che abbiamo visto oggi risulta essere abbastanza dispendioso, e non sempre ti garantisce dei risultati: questo significa che, spesso, la via migliore è utilizzare direttamente software Mac alternativi a quelli di Windows, per avere la certezza che fili tutto liscio.

Informazioni su:
Come eseguire applicazioni Windows su Mac in maniera efficiente
Titolo
Come eseguire applicazioni Windows su Mac in maniera efficiente
Descrizione
Scopriamo quali sono i 5 migliori modi per eseguire applicazioni, pensate e realizzate esclusivamente per Windows, su Mac.

Riguardo al nostro autore
Khaled Hechmi
Sono un grande appassionato di tecnologia fin da piccolo: spendo il mio tempo libero tra PC, Xbox e Sport. Studente al 3° Anno di Informatica presso l'Università degli Studi di Milano Bicocca, IT Consultant per una multinazionale francese.