Stai leggendo
Intel Xeon Platinum, Gold, Silver e Bronze: i dettagli delle nuove CPU

Intel Xeon Platinum, Gold, Silver e Bronze: i dettagli delle nuove CPU

di Khaled Hechmi11 luglio 2017

Intel aggiorna i processori Xeon pensando soprattutto ai datacenter: scopriamo maggiori dettagli sui prodotti Platinum, Gold, Silver e Bronze!

Nella fascia consumer relativa al mondo CPU da anni non si assiste a grossi miglioramenti prestazionali.

Uno dei motivi è l’estrema complessità che hanno raggiunto i processori. Avvicinandoci inesorabilmente ai limiti fisici del silicio, ogni riduzione di pochi nanometri sulla dimensione dei transistor comporta investimenti immensi in R&D e aggiornamenti delle linee di produzione.

Un altro motivo è dovuto al livello di prestazioni raggiunte ad oggi. Un utente medio, d’altronde, è in grado di fare moltissime attività senza doversi imbattere nei temuti colli di bottiglia. Anche nelle sessioni di gaming più intenso le attuali CPU reggono i carichi di lavoro e il più performante degli Intel Core i5 è assolutamente sufficiente per qualsiasi gioco. D’altronde con l’avvento e la diffusione del 4K la differenza la fa la GPU: proprio per questo motivo sono i chip grafici le componenti hardware più spesso aggiornate da parte degli utenti.

Ultimo motivo a mio modo di vedere è la scarsa competizione nel settore. E’ vero che Intel non si è seduta sugli allori ma le scarse vendite da parte di AMD (almeno fino a Ryzen) non ha di certo portato alla guerra di prezzi e prestazioni che tutti gli appassionati desiderano per il proprio tornaconto personale (anche se, tutto sommato, avere CPU potentissime per vedere gattini  su YouTube e poco altro è un po’ come prendere una Ferrari solo per fare la spesa).



Intel Xeon si aggiorna pensando ai datacenter e ai Big Data

Scopriamo le nuove CPU server Intel Xeon Platinum, Silver, Gold e Bronze pensate per datacenter e Big Data

Settore molto diverso, però, è quello business. Parliamo di un’area in costante crescita e dal ritorno economico importante. I motivi? Il principale è senza ombra di dubbio l’avanzata del fenomeno Big Data. Sempre più aziende memorizzano qualsiasi tipo di informazione, con la speranza che in futuro tornino utili. Le richieste più diffuse, però , sono la velocità con cui è possibile accedere e condividere queste informazioni, oltre alla possibilità di scalare le operazioni che vengono eseguite su di essi. Viste queste esigenze il numero di datacenter cresce a vista d’occhio e sempre più aziende si buttano nel settore.

Se le proposte dal punto di vista dei contenuti software cambiano, la costante rimane l’hardware. A prescindere dai servizi offerti dai vari provider, tutte queste mega infrastrutture girano su server fisici. Macchine che necessitano di essere facilmente scalabili, per adattarsi a picchi di richieste, potenti e con un elevata efficienza energetica.

Per Intel il mercato server acquisisce sempre più importanza e viste le sfide rappresentate dai Big Data e dall’aumento esponenziale dei datacenter ha deciso di aggiornare la propria offerta. I processori Intel Xeon, dunque, vengono aggiornati per far fronte alle sfide attuali e cambiano anche nome.

Per rendere la scelta più semplice e offrire un prodotto adatto a molteplici esigenze, Intel ha deciso di raggruppare questi nuovi processori in 4 grandi famiglie:

  • Intel Xeon Platinum: prestazioni hardware migliori, sicurezza hardware aggiuntiva, ;
  • Intel Xeon Gold: Affidabilità avanzata, memoria veloce, maggiori motori di interconnessione e accelerazione;
  • Intel Xeon Silver: performance efficienti con “poca alimentazione”;
  • Intel Xeon Bronze: processori entry-level;


I nuovi processori Intel Xeon andranno a sostituire i processori delle serie E5 ed E7. La piattaforma, nota come Skylake-SP (Purley è un altro nome per questa famiglia), si divide in Skylake e Cascade Lake: l’azienda americana consiglia vivamente questi chip per le applicazioni mission-critical.

L’architettura dei chip è stata rivista in molte parti, portando miglioramenti in diversi ambiti. Le dimensioni dello scheduler sono aumentate, la cache L2 è migliorata e la L1 è stata raddoppiata rispetto a Broadwell. Si avrà anche l’adozione delle istruzioni AVX 512 con 2 FMA per core, insieme a MLC da 1 MB.

Una delle novità principali è l’interconnessione dei core, gerarchie di memoria e sottosistemi di Input/Output. Un maggiore scambio di informazioni porta un incremento delle performance ma bisogna realizzare dei canali di comunicazione appositi, altrimenti si avranno colli di bottiglia, perdita di informazioni o poco utilizzo delle risorse: ecco perchè una novità del genere è davvero importante e ha richiesto numerosi sforzi da parte degli ingegneri.

Durante l’evento di presentazione Intel ha pubblicizzato Skylake Purley come il più grande aggiornamento in ambito CPU Server degli ultimi 10 anni. Oltre a un “aspettato” miglioramento dei consumi, Purley avrà 6 canali DDR4, contro i 4 della precedente generazione.

La nuova piattaforma avrà anche un socket aggiornato. Avrà 3647 pin e da questa caratteristica deriva il nome LGA 3647. Ha 12 slot DDR4 DIMM: lo scopo è supportare gli Intel Optane DIMM e la prossima generazione di memorie hexa-channel.

Il TDP di questi chip oscilla tra i 70W e i 205W per le versioni più prestanti. Intel Omnipath Architecture sarà integrato nei nuovi chip Xeon Skylake; il PCH ha nome in codice Lewisburg e ci saranno nuovi controller Ethernet. Ultimo importante aggiornamento di questa piattaforma è la possibilità di scalare fino a 8 socket, che renderà drasticamente più semplice e invitante effettuare operazioni dall’alto carico computazionale.

Nei prossimi paragrafi vi mostreremo i chip appartenenti alla serie Platinum e Gold, riportando le indiscrezioni di WCCFTech.

Intel Xeon Platinum 8xxx

I dettagli dei processori server appartenenti alla famiglia Intel Xeon Platinum

 

Intel Xeon Gold 6xxx

Tutti i processori che appartengono alla famiglia Intel Xeon Gold

La T e la M indicano diverse varianti relativa alla potenza assorbita. Sono disponibili fino a 3 DIMM per canale, arrivando a un totale di 18 DIMM per CPU.

Comunicato stampa processori scalabili Intel Xeon

Assago (Milano), 11 luglio 2017 – Oggi Intel ha lanciato i nuovi processori scalabili Intel® Xeon®, che offrono alle aziende prestazioni rivoluzionarie per gestire le attività ad elaborazione intensiva, tra cui analisi dei dati in tempo reale, infrastruttura virtualizzata e High Performance Computing. Il lancio di oggi segna il più grande insieme di innovazioni per data center e processori di rete del decennio.

“I data center e l’infrastruttura di rete stanno avendo una serie di trasformazioni decisive per supportare casi d’uso emergenti come la medicina di precisione, l’intelligenza artificiale e i servizi di rete agili, preparando il terreno per il 5G”, ha affermato Navin Shenoy, Executive Vice President e General Manager del Data Center Group di Intel. “I processori scalabili Intel Xeon rappresentano il più grande avanzamento dei data center del decennio”

L’annuncio odierno della disponibilità generale di questi prodotti fa seguito al più ampio programma di distribuzione anticipata di Intel in ambito data center, con oltre 500.000 processori scalabili Intel Xeon già venduti a provider di servizi aziendali, High Performance Computing, cloud e comunicazioni leader di settore. I clienti trarranno vantaggio da un sostanziale incremento delle prestazioni, pari in media a 1,65 volte2 rispetto alla tecnologia di precedente generazione. Con 58 record mondiali, in possibile aumento, i processori scalabili Intel Xeon offrono prestazioni ai vertici del settore nella più ampia gamma di carichi di lavoro.

I processori scalabili Intel Xeon forniscono alle aziende, inoltre, la più ampia serie di innovazioni a livello di piattaforma, con miglioramenti prestazionali decisivi nei carichi di lavoro più strategici. Tali innovazioni comprendono:

  • Intelligenza artificiale: consentono un addestramento per il deep learning e l’inferenza 2,2 volte migliore3 rispetto alla generazione precedente e un incremento prestazionale di 113 volte con il deep learning3 rispetto a un sistema server non ottimizzato di 3 anni fa, se combinati con ottimizzazioni software che velocizzano la fornitura di servizi potenziati dall’intelligenza artificiale.
  • Networking: velocità di forwarding IPsec fino a 2,5 volte superiore22 per le applicazioni di networking strategiche rispetto alla generazione precedente utilizzando Intel QuickAssist e DPDK, che incrementano il valore derivante dalla trasformazione di rete.
  • Virtualizzazione: gestione di un numero di macchine virtuali (VM) fino a 4,2 volte superiore13 (stima) rispetto a un sistema di 4 anni fa per una rapida implementazione, utilizzazione dei server, riduzione dei costi energetici ed efficienza degli spazi, accelerando la modernizzazione dei data center aziendali
  • High Performance Computing: migliorano di fino a 2 volte il valore FLOPs per clock1 grazie a Intel AVX-512 e alle porte integrate dell’architettura Intel Omni-Path, offrendo miglioramenti a livello di capacità di elaborazione, flessibilità di I/O e larghezza di banda della memoria per accelerare le scoperte e le innovazioni.
  • Storage: elaborazione di IOPS fino a 5 volte superiore11 riducendo al contempo la latenza fino al 70%11 rispetto alle unità SSD NVMe, se combinati con unità SSD Intel® Optane™  e lo Storage Performance Development Kit (SPDK), rendendo i dati più accessibili per l’analisi avanzata.

I processori scalabili Intel Xeon sono dotati di una nuova microarchitettura core, di nuove interconnessioni on-die e nuovi controller di memoria. La piattaforma risultante ottimizza le prestazioni oltre ad offrire l’affidabilità, la sicurezza e la gestibilità necessarie nei data center e nelle infrastrutture di rete.

  • Prestazioni: i processori scalabili Intel Xeon offrono un incremento prestazionale complessivo di fino a 1,65 volte2 rispetto alla generazione precedente e carichi di lavoro OLTP di warehouse fino a 5 volte superiori19 rispetto alla base installata, accelerando i moderni carichi di lavoro di oggi che comprendono, tra gli altri, modellazione e simulazione, machine learning, HPC e creazione di contenuti digitali. Questi incrementi decisivi delle prestazioni sono resi possibili da nuove caratteristiche come Intel Advanced Vector Extensions 512 (Intel AVX-512), che potenziano le prestazioni delle attività ad elaborazione intensiva, la nuova architettura Intel Mesh per una latenza di sistema ridotta, la tecnologia Intel QuickAssist per le operazioni di accelerazione hardware di crittografia e compressione dei dati e il fabric ad alta velocità integrato con architettura Intel Omni-Path, per implementazione di cluster HPC efficiente in termini di costi.
  • Scalabilità: ottimizzati per soddisfare un’ampia gamma di esigenze prestazionali nei data center e nelle reti di comunicazioni, i processori scalabili Intel Xeon offrono fino a 28 core e fino a 6 terabyte di memoria di sistema (sistemi a 4 socket) e la scalabilità necessaria per supportare sistemi da 2 a 8 socket e oltre, potenziando dai carichi di lavoro entry level alle applicazioni maggiormente mission critical.
  • Agilità: le prestazioni di elaborazione, networking e storage e le ottimizzazioni dell’ecosistema software dei processori scalabili Intel Xeon li rendono ideali per data center definiti tramite software e ottimizzati dal punto di vista del TCO che effettuano dinamicamente e automaticamente il provisioning delle risorse (in sede, sulla rete e nel cloud) in base alle esigenze dei carichi di lavoro.
  • Sicurezza senza compromessi: la protezione dei dati tramite la crittografia completa ha comportato per lungo tempo un sovraccarico prestazionale significativo. L’applicazione può ora essere eseguita con overhead di meno dell’1%16 con la crittografia data-at-rest attivata. I nuovi processori scalabili Intel Xeon offrono un miglioramento prestazionale di 3,1 volte18 rispetto alla precedente generazione per quanto riguarda le prestazioni della crittografia. Intel ha esteso le funzionalità di sicurezza dei processori con la tecnologia Intel Key Protection, che offre protezione migliorata dai principali attacchi alla sicurezza. Inoltre, i processori scalabili Intel Xeon sono stati progettati per proteggere la piattaforma con ulteriori miglioramenti nella radice di attendibilità hardware.

Le fondamenta per i data center e le reti di comunicazioni di prossima generazione

Intel ha introdotto anche le soluzioni Intel Select, un brand destinato a semplificare e velocizzare l’implementazione di data center e infrastruttura di rete, con soluzioni iniziali basate su Canonical Ubuntu*, Microsoft SQL 16* e VMware vSAN 6.6*. Le soluzioni Intel Select rappresentano un’espansione del notevole investimento dell’azienda nelle collaborazioni dell’ecosistema Intel Builders e offriranno sul mercato una scelta di configurazioni verificate Intel, per consentire ai clienti di velocizzare il ritorno sugli investimenti in infrastrutture basate sui processori scalabili Intel Xeon, per carichi di lavoro in base alle priorità dei clienti.

Progettata appositamente per consentire ai clienti di accelerare l’implementazione di infrastrutture cloud, trasformare le reti di comunicazioni e liberare la potenza dell’intelligenza artificiale, la piattaforma scalabile Intel Xeon è supportata da 100 dei partner dell’ecosistema, più di 480 Intel builder e oltre 7.000 fornitori di software per garantire ottimizzazioni software che traggono vantaggio da questa piattaforma. I processori scalabili Intel Xeon hanno ricevuto un ampio supporto da una vasta gamma di aziende, tra cui Amazon*, AT&T*, BBVA*, Google*, Microsoft*, Montefiore*, Technicolor* e Télefonica*.

Conclusioni

Riepilogando, Intel ha suddiviso i nuovi processori in 4 famiglie: Bronze, Silver, Gold e Platinum. La famiglia Platinum corrisponde alla serie di CPU 8000,  la gamma Gold comprende le serie 5000 e 6000, la Silver identifica le CPU 4000 mentre la fascia entry-level corrisponde alla 3000. Il numero di core va dai 10 ai 28 a seconda della fascia.

Informazioni su:
Intel Xeon Platinum, Gold, Silver e Bronze ufficialmente in vendita!
Titolo
Intel Xeon Platinum, Gold, Silver e Bronze ufficialmente in vendita!
Descrizione
Dall'11 Luglio i processori Intel Xeon Platinum, Gold, Silver e Bronze sono in vendita: scopriamo le proposte pensate appositamente per il mondo Big Data.

Riguardo al nostro autore
Khaled Hechmi
Sono un grande appassionato di tecnologia fin da piccolo: spendo il mio tempo libero tra PC, Xbox e Sport. Studente al 3° Anno di Informatica presso l'Università degli Studi di Milano Bicocca, IT Consultant per una multinazionale francese.