Stai leggendo
Google Translate, arrivano in Italia le traduzioni con reti neurali

Google Translate, arrivano in Italia le traduzioni con reti neurali

di Valeria Douglas19 aprile 2017

Google Translate, traduzioni in italiano più accurate e vicine alla madrelingua grazie a una tecnologia basata sull’intelligenza artificiale.Google Translate

Google Translate vicino alla perfezione. Le traduzioni in lingua italiana diventano infatti sempre più precise grazie a dei sistemi neurali. Come ha dichiarato all’Ansa Macduff Hughes, a capo degli ingegneri di Google Translate: “È stato semplice trasportare questo modello nella lingua italiana, abbiamo ottenuto buoni risultati”.



Un dettaglio, c’è da dire, non è da trascurare: nel team ci sono ricercatori e ingegneri italiani che aiutano a controllare i progressi del lavoro e gli eventuali errori incontrati sulla strada.

Una grande esperienza e una grande professionalità quella di Hughes che lavora nell’azienda di Mountain View da ormai dieci anni Per lui, l’intelligenza artificiale e il machine learning si espanderanno in breve tempo ad altri settori.

Un fattore decisamente naturale, legata al passaggio evidente dell’ultima decade dal pc da scrivania ai dispositivi mobili. “È stata impiegata ad esempio per migliorare l’esperienza in Google Assistant, per il riconoscimento del linguaggio; in Google Foto, per quello delle immagini. Infine è stata applicata anche alla ricerca medica per monitorare il cancro al seno”.

L’italiano, dunque, si aggiunge ufficialmente ad una serie di altre lingue che sono già passate alla traduzione neurale. Le nuove traduzioni sono disponibili nella maggior parte dei paesi in cui è presente Google Traduttore: nelle app per iOS e Android, all’indirizzo translate.google.it e tramite la Ricerca Google.

Informazioni su:
Google Translate, arrivano in Italia le traduzioni con reti neurali
Titolo
Google Translate, arrivano in Italia le traduzioni con reti neurali
Descrizione
Google Translate, traduzioni in italiano più accurate e più vicine alla madrelingua grazie a una tecnologia basata sull'intelligenza artificiale.

Riguardo al nostro autore
Valeria Douglas