Stai leggendo
MacBook Pro 17, una petizione per riaverlo sul mercato

MacBook Pro 17, una petizione per riaverlo sul mercato

di Valeria Douglas19 febbraio 2017

MacBook Pro 17, gli utenti Apple lo rivogliono. La richiesta è stata ufficializzata da molte persone attraverso una petizione.

MacBook Pro 17, un sogno per molti. Tant’è che in massa hanno chiesto all’azienda di Cupertino di “resuscitare” proprio il MacBook Pro con display maggiorato. Basti pensare che, negli anni, Apple ha reso sempre più grandi gli iPhone e gli iPad, ma rimpicciolito i laptop non andando oltre i 15 pollici.

Facciamocene una ragione. “Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano”, cantava Antonello Venditti. E il più grande MacBook Pro sembra mancare all’appello per molti utenti, soprattutto al loro cuore. Per i sottoscrittori della petizione, la reintroduzione del MacBook Pro potrebbe portare molta soddisfazione. A volerlo, soprattutto quei professionisti che non amano lavorare su macchine fisse come gli iMac, ma preferirebbero avere un vero e proprio portatile con un display.

Facciamo un passo indietro Il MacBook Pro 17 è stato venduto fino a giugno del 2012, pesava 2.99 Kg, aveva uno schermo widescreen – disponibile in versione lucido o antiriflesso – con supporto alla risoluzione nativa di 1920×1200 pixel, vantava porte USB, Thunderbolt, ingresso/uscita audio, slot ExpressCard 3/4, porta FireWire, Porta Gigabit Ethernet e altro ancora.

Introdotto nell’ormai lontano 2003, faceva parte della linea PowerBook. Il portatile da 17 pollici di Apple è stato certamente a lungo la scelta per gli utenti che necessitavano la potenza e la capacità di un desktop senza sacrificare la portabilità.

Tornera, non tornerà? Ai posteri l’ardua sentenza.

Informazioni su:
MacBook Pro 17, una petizione per riaverlo sul mercato
Titolo
MacBook Pro 17, una petizione per riaverlo sul mercato
Descrizione
MacBook Pro 17, un sogno per molti. Tant'è che in massa hanno chiesto all'azienda di Cupertino di "resuscitare" proprio il MacBook Pro con display maggiorato

Riguardo al nostro autore
Valeria Douglas