Stai leggendo
Shopping online, le 4 tendenze dell’esperienza italiana

Shopping online, le 4 tendenze dell’esperienza italiana

di Vittorio Tiso13 febbraio 2017

Shopping online: un’intervista a 60 mila persone ci mostra le 4 tendenze dell’esperienza italiana relativamente agli ecommerce ed agli acquisti su internet.

shopping online - acquisti con carta di credito

La Nielsen ha diffuso in questi giorni una nuova ricerca sulle tendenze dell’eCommerce nel mondo, intervistando un campione di oltre 60mila persone in tutto il mondo, Italia compresa. In sintesi, dalla survey emerge come ormai l’87% delle persone che navigano in internet in Italia dichiara di fare acquisti online, ma nel nostro Paese resta ancora decisivo il ruolo del negozio fisico, soprattutto nel comparto degli alimentari freschi, dove il 38% degli italiani afferma di ritenere indispensabile un passaggio in prima persona per la formulazione della decisione di acquisto.

Evoluzione in corso. Oltre ai semplici dati, Nielsen ha fornito anche importanti informazioni e valutazioni sull’evoluzione in atto tra shopping online e quello tradizionale, sottolineando innanzitutto come ormai abbia maggiore senso parlare di un’unica esperienza omnichannel, vista la “liquidità” tra le diverse forme di acquisto.

Fuga dai negozi. Anche se, come accennato, per alcune categorie merceologiche il negozio tradizionale resta centrale, è interessante notare come per un numero crescente di persone fare acquisti di persona sia una attività sempre più noiosa e non un passatempo divertente; una sorta di “obbligo” che ha poco appeal, anche perché l’esperienza è sempre uguale e ripetitiva e manca di vantaggi, soprattutto per quanto riguarda tempi e costi degli acquisti.

Gli italiani online. E se il “fresco” resta appannaggio dei negozi fisici, il core business dell’online sono invece le categorie generali di beni durevoli e di svago; in particolare, tra i prodotti maggiormente acquistati sul canale virtuale spiccano viaggi, libri e supporti musicali, che sono acquistati via web dal 47% degli italiani. Di poco inferiore la quota di chi si orienta su articoli di moda e abbigliamento, mentre il podio è completato dall’acquisto di biglietti per eventi, che supera due settori hi tech come elettronica di consumo e informatica.

L’esperienza online. Interessante è anche il focus sulle strategie di comunicazione che possono favorire lo sviluppo del mercato online; da questo punto di vista, Nielsen rileva come per i prodotti di largo consumo risulti importante la garanzia di rimborso nel caso di consegne non corrispondenti all’ordine, sottolineata dal 36% degli italiani; il 32% degli internauti tricolore invece individua come decisivo il servizio di sostituzione in giornata, e il 29% apprezza la pianificazione precisa delle consegne.

Contaminazione online e fisico. L’ultima sezione dello studio Nielsen è dedicata all’analisi delle fonti di informazione che risultano più efficaci per influenzare la decisione di acquisto dei consumatori italiani: forse a sorpresa, in tutte le categorie merceologiche si rivelano vincenti i touchpoint tradizionali e in particolare le visite ai negozi fisici, ritenuti l’influencer principale quando si tratta di acquistare beni di largo consumo. Importante anche il passaparola di conoscenti (18%), mentre per i prodotti di bellezza e personal care sono presi in considerazione anche i suggerimenti del personale di vendita (20%) e il passaparola (19%).

Le tendenze in Italia. La contaminazione tra negozio virtuale e negozio fisico però deve raggiungere uno step successivo: gli italiani, infatti, chiedono “esperienze digital” ai retailer, a partire dalle casse self-service (che al supermercato sono utilizzate ormai dal 24% dei consumatori); in crescita anche la quota di chi utilizza lo scanner per evitare le code (ora al 13%), di quanti ordinano i prodotti online con consegna a domicilio (13%) e di chi ricorre a buoni sconto/coupon digitali, come quelli presenti sulla piattaforma di sconti piucodicisconto.com, dove trovare i coupon da usare sui principali eCommerce.

I prossimi sviluppi. Ben 7 italiani su 10, però, si dicono pronti a utilizzare il QR code dal cellulare qualora si fosse disponibile, così da avere accesso alle informazioni sui prodotti; il 68% utilizzerebbe scaffali virtuali per ordinare i prodotti tramite smartphone, mentre il 66% scaricherebbe l’app dello store per ricevere offerte all’interno del negozio, a riprova di una nuova tendenza “innovativa” e tecnologica che si sta diffondendo nel nostro Paese.

Informazioni su:
Titolo
Shopping online, le 4 tendenze dell'esperienza italiana
Descrizione
Shopping online: un'intervista a 60 mila persone ci mostra le 4 tendenze dell'esperienza italiana relativamente agli ecommerce ed agli acquisti su internet.

Riguardo al nostro autore
Vittorio Tiso
Il fondatore di OutOfBit. Perito informatico, Dottore in Economia e Commercio, lavoro nel settore finanziario presso una famosa multinazionale. Dedico il mio tempo libero a tecnologia e sport.