Stai leggendo
Apple, rimosso il servizio di Activation lock

Apple, rimosso il servizio di Activation lock

di Irene Giordano1 febbraio 2017

Non è più disponibile per i clienti Apple il servizio web che consentiva di controllare lo stato di “blocco attivazione” dei dispositivi iOS.

iPhone 7

Apple ha prontamente rimosso lo strumento di verifica dello stato di blocco dei dispositivi iOS, senza alcuna giustificazione per gli utenti.  Secondo molte indiscrezioni la motivazione sarebbe che degli hacker avrebbero trovato il modo di eludere Activation Lock, i vostri iPad e iPhone potrebbero non essere al sicuro.

Apple non ha però reso ancora ufficiali le motivazioni della rimozione del servizio di blocco attivazione, nonostante da alcune indiscrezioni sia emerso che gli hacker sarebbero riusciti a sbloccare iPad e iPhone bloccati.

Apple: rimosso per un hacker il servizio di blocco attivazioneApple: rimosso per un hacker il servizio di blocco attivazione

Lo strumento di verifica messo a punto da Apple consente in pochi istanti di verificare se il proprio dispositivo risulta protetto da Activation Lock, ovvero per consentire di controllare se un eventuale dispositivo non fosse legato ad altri account. Tramite questo sistema di sicurezza era possibile acquistare un dispositivo Apple usato senza alcuna preoccupazione.

Gli hacker però hanno trovato il modo di sostituire il seriale di un dispositivo iOS bloccato con un dispositivo libero. Lo strumento di verifica on line consente di ottenere diversi numeri seriali funzionanti, basta infatti cambiare qualche lettera o numero, e una volta trovato un seriale attivabile riprogrammare i dispositivi rubati.

Tramite questa operazione però accadeva che quel seriale scovato potesse appartenere ad un ignaro utente, che si sarebbe ritrovato con un dispositivo impossibile da attivare. Questo stratagemma utilizzato da molti hacker spiegherebbe il perché molti iPhone 6 s e iPhone 7 usciti dalla fabbrica avessero già il blocco attivato.

Il meccanismo che avrebbe consentito agli hacker di rubare e convalidare i numeri di serie, potrebbe essere anche il motivo alla base del cattivo funzionamento dell’Apple Id lamentato da diversi utenti negli scorsi giorni.

Alcuni utenti infatti nel tentativo di attivare un nuovo dispositivo iPhone 6s, 6s Plus, 7 e 7 Plus,  o di ripristinare un dispositivo esistente, venivano informati che il loro device era bloccato o legato ad un altro account Apple.

Apple non ha ancora rilasciato alcuna dichiarazione che confermi o meno l’ipotesi che l’eliminazione del blocco attivazione possa essere legata all’attacco di un hacker. L’activation Lock fino ad oggi si è rivelato un ottimo strumento in grado di bloccare i dispositivi, rendendo inutile i tentativi di furto.

Un sistema di protezione realmente complesso in grado di aggirare i ladri. Il procedimento messo a punto dalla Apple richiede un’elevata capacità tecnica, nonché l’utilizzo di software abbastanza complessi, ma appare chiaro che nonostante gli elevati standard dello strumento che dovrebbe garantire una maggiore sicurezza al cliente, sia ancora presente una falla che necessariamente dovrà essere prontamente risolta.

Soluzione utile ma soprattutto efficace per scoraggiare i furti; il malintenzionato che avesse sottratto un dispositivo Apple e lo volesse vendere a terzi si ritroverebbe con un dispositivo praticamente inutilizzabile. In quanto tramite verifica su iCloud l’acquirente potrebbe acquistare con maggiore sicurezza il dispositivo usato, e in caso di blocco attivo potrebbe scoprire il possibile illecito legato al dispositivo venduto.

Informazioni su:
Apple, rimosso il servizio di Activation lock
Titolo
Apple, rimosso il servizio di Activation lock
Descrizione
Apple ha rimosso lo strumento di verifica dello stato di blocco dei dispositivi iOS, gli hacker avrebbero trovato un modo per eludere Activation lock

Riguardo al nostro autore
Irene Giordano