Stai leggendo
HP Pavilion X360: la recensione del laptop convertibile

HP Pavilion X360: la recensione del laptop convertibile

di Vittorio Tiso17 febbraio 2016
HP Pavilion X360 è un laptop convertibile di fascia media in grado di unire buone prestazioni, un ottimo design e la convertibilità in tablet che è un plus davvero considerevole: ecco cosa ne pensiamo nella nostra recensione completa.

HP Pavilion X360 è un portatile portatile convertibile con schermo da 13,3 pollici costruito in materia plastici e dotato di una speciale cerniera inclinabile a 360 gradi che ci permette di richiudere il notebook su se stesso e di trasformarlo in un tablet. Le configurazioni disponibili sul mercato italiano, sono tutte basate sui processori di casa Intel e si differenziano fra loro per processore utilizzato, quantitativo di RAM e capacità dell’hard disk. Abbiamo provato la versione con display HD con risoluzione da 1366 x 768 pixel, CPU i3 5010U, 8 GB di RAM ed hard disk da 500 GB, ecco cosa pensiamo di HP Pavilion X360 nella nostra recensione completa.

hp pavilion x360 copertina1


HP ha deciso di realizzare differenti versioni dei propri laptop convertibili, principalmente possiamo distinguere due filoni produttivi: la serie Spectre, di cui abbiamo già recensito la versione top di gamma,  destinata alla fascia alta del mercato e la serie Pavilion che va ad occupare la fascia media del mercato ed in grado di offrire prestazioni e possibilità di utilizzo adatte a chi il computer lo usa tutti i giorni per compiti di ruotine o nel tempo libero.

HP Pavilion X360: la recensione completa del laptop convertibile di fascia media

hp pavilion x360 modalità di utilizzo

Contenuto della confezione

All’interno della classica scatola in cartone di casa HP, riportante alcune delle caratteristiche del PC in essa contenuto, trova posto, oltre ovviamente al nostro HP Pavilion X360, un po’ di sana manualistica di base ed un caricabatteria di dimensioni medie. Un contenuto minimal ma che si addice pienamente ad un laptop di fascia media, componentistica in dotazione che risulta comunque essere più che sufficiente per godersi al massimo questo ottimo notebook HP. L’unica scelta criticabile è quella di HP di optare per l’odiata ed ingombrante presa tripolare e per un jack da attaccare al PC forse un po’ troppo largo, elementi che ne minano leggermente la portabilità e l’utilizzo in mobilità.

Hardware

  • Schermo: 13,3” touchscreen
  • Risoluzione: 1.366 x 768 pixel
  • CPU: Intel Core i3-5010U
  • GPU: Intel Graphics HD 5500
  • RAM: 8 GB SDRAM DDR3l (1 x 8 GB)
  • Memoria interna: HDD 500 GB SATA 5400 rpm
  • Connettività wireless: Wi-Fi ac, Bluetooth 4.0
  • Porte: 3 porte USB (1 x 2.0, 2 x 3.0), 1 porta HDMI, Ethernet, lettore schede SD, jack audio
  • Webcam: P TrueVision HD (frontale) con microfono dual-array digitale integrato
  • Batteria: 48 Whr
  • Peso: 1,77 Kg
  • OS: Windows 8.1 64 bit aggiornabile gratuitamente a Windows 10

Design e costruzione

HP Pavilion X360 è costruito interamente con materiali plastici di buona qualità. Questa linea della fascia media di casa HP riesce ad unire la praticità di un laptop classico con la comodità di un tablet: il risultato è ottimo ed è dato dal fatto che ci ritroviamo fra le mani un computer semplice da trasportare, bello da vedere e ripiegabile su se stesso a 360 gradi. La qualità costruttiva è elevata e sopra la media dei prodotti della stessa fascia: tutti i dettagli sono finemente lavorati e la scelta dei materiali plastici, anche in funzione del prezzo, si rivela vincente.

L’aspetto che caratterizza questo prodotto di casa HP è la sua convertibilità, grazie a pratiche cerniere avremo la possibilità di utilizzare il device come un classico laptop o come un più comodo tablet: le due cerniere permettono di aprire e richiudere su se stesso il PC in maniera rapida e fluida. I cardini risultano essere di discreta qualità, il display è utilizzabile senza grossi problemi nelle varie inclinazioni ma in procinto dei 360 gradi il display tende a chiudersi su sé stesso come naturale che sia, generalmente per le altre inclinazioni e per le situazioni meno estreme (difficilmente lo utilizzerete con angoli di piega importanti) le cerniere si comportano sempre in maniera ottimale e fanno il loro lavoro tenendo saldo lo schermo e limitando al minimo le oscillazioni che si creano ad ogni pressione sul touch.

Durante le fasi di utilizzo in modalità tablet, quindi sia con il Pavilion X360 richiuso su se stesso e nella modalità “a cavalletto”, la qualità costruttiva torna prepotentemente in primo piano, grazie ai pratici tasti Power, Windows e del volume posti a portata di mano sui lati del case, l’utilizzo risulterà sempre piacevole ed immediato.

Unica nota leggermente stonata dal punto di vista costruttivo è riscontrabile nel peso di 1,7 kg, il che lo rende più pesante di circa 300 / 400 grammi rispetto ai laptop concorrenti, peso maggiorato che viene però parzialmente giustificato dalla presenza delle cerniere e della struttura interna che ne permette il movimento.

Tastiera e touchpad

Ad essere sincero ed onesto riscontro sempre delle difficoltà nell’ambientarmi nell’utilizzo di tastiere e touchpad che non sono abituato ad utilizzare quotidianamente e con costanza, devo però confermare che il feeling con il layout di tastiera e mouse è stato buono fin da subito. I tasti ad isola con corsa corta risultano veramente comodi ed la realizzazione con materiale leggermente ruvido ne aumenta notevolmente il grip.

Le dimensioni del touchpad sono ottimali, non ci ritroveremo di fronte un formato esageratamente grande o troppo piccolo, la misura media aiuta nell’ambientamento iniziale e ci si sente a proprio agio fin dalle prime ditate. La responsività del pad risulta essere davvero ottima ai singoli tocchi mentre risulta leggermente meno precisa con l’esecuzione delle gesture, vi potrebbe capitare di dover, di tanto in tanto, rieseguire uno scroll od uno swype.

Connettività

Le connessioni Wifi sono stabilite grazie ai protocolli di connessione Combo 802.11a/b/g/n/ac (2×2) mentre quelle Bluetooth si basano sullo standard 4.0 con abilitazione al Miracast, funzionamento eccellente senza nulla da approfondire.

Grazie alle buona presenza di porte e prese sui lati di HP Pavilion X360 sarà estremamente semplice ampliarne le funzionalità e collegarne periferiche e monitor. Sul lato sinistro del device sono posizionati il tasto Power, una presa USB 2.0, lo slot per schede SD e i tasti per il bilanciere del volume, dall’altro fronte trovano posto la presa per il caricabatterie, una porta ethernet, una presa HDMI, 2 porte USB 3.0, il tasto Windows e il jack per le cuffie.

La scelta delle porte ci sembra onestamente azzeccata ed in linea con i notebook attuali, è presente tutto il necessario per godersi al massimo questo ottimo Pavilion.

Display e touchscreen

hp pavilion x360 display

Il Pavilion X360 da noi testato dispone di un display da 13,3 pollici basato su tecnologia HD IPS con retroilluminazione a WLED e con una risoluzione di 1366 x 768 pixel. Uno schermo di media qualità a livello di risoluzione ma con una buona luminosità e con una fedele riproduzione dei colori. Unico difetto è una leggermente eccessiva tendenza al riflesso, tipica degli schermi lucidi, che potrebbe causare qualche noia sotto la luce diretta del sole.

Il pannelo è, ovviamente, dotato di tecnologia touch che lo rende perfetto per l’utilizzo in modalità tablet. Le performance e le risposte al tocco del display sono entrambe eccellenti tanto da rendere l’esperienza di utilizzo davvero piacevole.

Prestazioni

Il settore delle prestazioni risulta essere sempre il più difficile da valutare, i problemi nascono a causa del gran numero di variabili da considerare: questo Pavilion X360 vanta un hardware di fascia media che ci permetterà di ottenere buone prestazioni in diversi settori e che darà a tutte le differenti tipologie di utenti di godere di una soddisfacente esperienza d’uso. La combinazione del processore Intel Core i3-5010U, la scheda grafica Intel Graphics HD 5500 e 8 GB di RAM permettono di ottenere performance soddisfacenti. Volendone trovare il difetto potremmo affermare che si sarebbe potuto fare meglio solamente sotto il profilo del disco fisso: un SSD avrebbe di fatto reso le prestazioni nettamente migliori ma il suo utilizzo avrebbe fatto anche lievitare il prezzo. L’abbiamo testato approfonditamente con i software che usiamo quotidianamente a lavoro e nel tempo libero e dobbiamo confermare che il PC si è sempre rivelato all’altezza della situazione, sempre a patto di non pretendere troppo nelle fasi di stress maggiore.

Il comparto audio, sviluppato in collaborazione con B&O Play, risulta essere molto buono ed in grado di riprodurre musica e audio con un’ottima qualità anche se con un volume massimo non troppo elevato.

Non potevamo mancare di testare HP Pavilion X360 con i più famosi programmi di benchmark: i risultati ottenuti in questi test risultano essere nella media dei notebook mid-range, potete vedere i risultati più approfonditi dalle seguente pagine:

 

HP Pavilion X360 crystal disk mark

Durante i nostri stress test la ventola di raffreddamento di questo ottimo HP X360 di fascia media si è comportata in maniera eccellente: la si sente spesso spinnare all’interno del case ma il suo rumore risulta essere morbido e per nulla fastidioso grazie alle alte frequenze. Nonostante l’utilizzo di una singola ventola le temperature del processore e del case non superano mai soglie limite visto che la CPU supera raramente gli 80° mentre la tastiera e la parte inferiore rimangono sempre su livelli di temperature accettabili, può capitare di sentire un po’ di calore emesso dal case del notebook durante le fasi di utilizzo massiccio con programmi di grafica o durante le sessioni di gaming.

Batteria ed autonomia

La batteria da 48 Wh 11.4V montata su HP Pavilion X360 si comporta in maniera ottima ed è in grado di durare fino a 10 ore grazie all’ottimizzazione hardware e software. Durante i nostri test siamo riusciti, in modalità sola lettura e con la luminosità impostata attorno al 50%, a superare le 10 ore di schermo acceso, nelle fasi di utilizzo lavorativo e di maggiore stress siamo riusciti a superare le 3 ore e mezza senza grossi problemi. I risultati sono quindi buoni, sarà di fatto possibile utilizzare questo device di casa HP per 6 – 8 ore in mobilità con un utilizzo medio senza doversi preoccupare eccessivamente della durata della batteria.

Software

Di fabbrica viene preinstallato Windows 8.1 a 64 bit, potrete però aggiornare gratuitamente il sistema a Windows 10. Parlando della parte software va dato merito alla buona scelta di HP e Microsoft di dotare questo ottimo notebook di fascia media di una buona suite di programmi, fra cui meritano di essere citati McAfee, Evernote e i programmi di Cyberblink, va anche sottolineata la criticabile scelta di installare alcuni software inutili fra cui alcuni giochini. Generalmente possiamo affermare questo HP ha tutti i programmi necessari per un utilizzo di base e che una volta estratto dalla confezione sarà pronto per essere utilizzato.

Conclusioni recensione HP Pavilion X360

HP-Pavilion-x360-13-a010dx

HP Pavilion X360 è un buon laptop convertibile, è un prodotto in grado di unire una deliziosa qualità costruttiva ad un performante hardware di fascia media ed una batteria dalla durata superiore agli standard di categoria. Il lato software completo ed il valido lato prestazionale lo rendono un notebook consigliabile a tutti coloro che sono alla ricerca di un device di fascia media che permetta di godersi al meglio l’esperienza di utilizzo quotidiano. Se dobbiamo cercare dei lati negativi possiamo riscontrarli in un touchpad migliorabile ed in un peso abbastanza elevato (solo parzialmente giustificato dalla presenza delle cerniere), possiamo però affermare che i lati positivi superano di gran lunga i negativi. Ci siamo trovati di fronte ad un eccellente convertibile di fascia media con una ottima batteria.

HP Pavilion X360 viene venduto sul sito ufficiale di HP al prezzo di 599 euro, l’acquisto è disponibile anche su Amazon a circa 690 euro.

PRO

  • Realizzazione buona e convertibilità
  • Prestazioni buone
  • Batteria ottima

CONTRO

  • Touchpad migliorabile
  • Caricabatterie vecchio stile
  • Abbastanza pesante

Riguardo al nostro autore
Vittorio Tiso
Il fondatore di OutOfBit. Perito informatico, Dottore in Economia e Commercio, lavoro nel settore finanziario presso una famosa multinazionale. Dedico il mio tempo libero a tecnologia e sport.