Stai leggendo
Tim Cook: secco no all’iPhone economico

Tim Cook: secco no all’iPhone economico

di Elisa Ceccarelli7 febbraio 2016

La Apple è un’azienda rivolta ad un pubblico “privilegiato” (sebbene la rateizzazione ampli notevolmente il range di acquisto dei consumatori) e secondo Tim Cook non c’è motivo di cambiare strategia. Questo è quanto si evince dal discorso ai dipendenti del CEO dell’azienda con sede a Cupertino che ha detto un categorico “No” alla possibilità che in futuro si possa commercializzare un iPhone economico, di cui si vocifera da anni e che ad oggi non aveva mai visto vita. A quanto pare, continuerà ad essere così e la Apple non offrirà una alternativa economica, che di fatto è rappresentata semplicemente dai modelli precedenti che si trovano a prezzi di molto più bassi. Di seguito tutte le info sulle dichiarazioni di Tim Cook sull’iPhone economico (e non solo).


Tim-Cook

Tim Cook e il suo “No” all’iPhone economico

Tim Cook ha rivelato alcuni dei progetti futuri dell’azienda con sede a Cupertino, chiudendo tutte le porte alla prospettiva futura che venga commercializzato un iPhone economico.

L’AD dell’azienda, poi, si è espresso a ruota libera su molti argomenti, tra cui quello sulle vendite del periodo natalizio, di cui è rimasto alquanto soddisfatto. Il CEO ha rivelato ai suoi clienti che l’Apple Watch è andato benissimo ed è stato uno dei regali preferiti di questo Natale, tanto da aver superato le vendite del primo iPhone; molto bene è andata anche la Apple TV su cui a Cupertino puntano molto negli anni futuri.

Un’altra notizia molto interessante riferita da Apple, riguarda una possibile collaborazione con Android: Tim Cook ha deciso di aprire la porta a delle app di Apple sul sistema operativo del robottino verde, e in tal senso un banco di prova sarà rappresentato da Apple Music su Android.

L’iPhone, inoltre, stando a quanto riferito da Tim Cook, è un device che andrà benissimo per decenni, visto che ad Apple hanno una serie di idee rivoluzionarie per molti anni ancora.

Riguardo al nostro autore
Elisa Ceccarelli