Stai leggendo
Geometry Wars 3 Dimensions – Recensione

Geometry Wars 3 Dimensions – Recensione

di NicoPi27 dicembre 2014

Dare un colpo di svolta sincero e deciso al mondo dei puzzle game è del tutto fattibile anche ad oltre trent’anni dall’innovazione che per prima colpì e plasmò questo genere. Ecco come, grazie alla nutrita ed apprezzata saga di Geometry Wars.

geometry wars

Geometry Wars 3 Dimensions, la riscossa dei puzzle game

La genesi di Geometry Wars, considerato dagli albori della sua nascita, segue un percorso oltre che bizzarro, alquanto creativo, come avviene per la maggioranza dei puzzle game di successo. Integrato inizialmente come minigame Xbox per il titolo Project Gotham Racing 2, contemplante tutt’altro genere di gameplay, Geometry Wars è riuscito a conquistarsi una fetta dell’attenzione del pubblico assai consistente, fino a declinarsi in un numero di varianti entusiasmanti e sempre più in grado di sfruttare le peculiarità dei diversi engine grafici da cui è costantemente stato supportato. Proseguendo poi con titoli quali Geometry Wars Retro Evolved, incluso in Project Gotham Racing 3, evolvendosi in declinazioni per cellulari e capitoli studiati appositamente per Nintendo 3DS e Wii, Geometry Wars si è lasciato dietro le spalle la caratteristica di comune add-on, acquistando un’esistenza separata da altre serie.

Lucid Games, che ha provveduto a realizzare la versione al momento “definitiva” di Geometry Wars incarnandolo nel modello 3 Dimensions, ci offre un titolo arcade appassionante e ricolmo, come intuibile dal titolo, di forme da combinare ed affastellare in molteplici maniere, nel mentre in cui siamo a bordo di una navetta spaziale da pilotare con lo stick analogico sinistro, ovviamente attaccati da nemici che per stile grafico necessariamente ricordano Tetris, muovendosi oltretutto su pattern non autoreferenziati e sempre identici, bensì sfruttando un’intelligenza di gioco del tutto particolare e randomizzata, in modo da aumentare la longevità dei livelli. I moltiplicatori di punti, sufficientemente generosi, ovviamente appariranno quanto più aggressivamente riusciremo a piazzare la nostra offensiva armata ai blocchi su schermo.

Modalità di gioco per tutti i gusti

Geometry Wars 3 Dimensions non teme di mostrare più alternative possibili ai giocatori, partendo dalla classica, in cui potrà essere scelta la sottocategoria Deadline, in cui verremo costretti da limiti di tempo (3 min), in una griglia limitativa, a collezionare quanti più punti possibile, combinando astutamente i punteggi forniti dai moltiplicatori. La modalità King è particolarmente più ostica di una qualsiasi survival: questo gameplay ci proporrà il salto a mo’ di “warp” da una zona all’altra, nel tentativo di ripulire il frame dalle minacce poste dai piccoli cubici alieni, il tutto con a disposizione una vita soltanto. Gli avversari saranno in grado di formare accerchiamenti e rendere il tutto più adrenalinico, mentre tentiamo la fuga definitiva. Evolved è invece una modalità cruenta quanto intrisa di violenza: sarà necessario sfruttare al massimo le tre vite a disposizione, ed un arsenale al massimo del suo potenziale, fino al momento in cui il nostro mezzo sarà completamente a secco e sfiancato dallo sforzo.

Le fusioni grafiche di immagini e cromatismi luminescenti rendono Geometry Wars 3 Dimensions un titolo in grado di imprimere una potente scossa d’urto al mondo dei puzzle: un’esperienza decisamente consigliata anche ai non patiti del genere. Voto Finale: 8,5

Riguardo al nostro autore
NicoPi
Amministratore e co-fondatore del sito. Tecnico informatico presso una software house e studente di Ingegneria a Padova. Appassionato di grafica, fotografia, Photoshop, AfterEffect, ecc ecc