Stai leggendo
Android L potrebbe usare di default la crittografia dei dati

Android L potrebbe usare di default la crittografia dei dati

di Vittorio Tiso22 settembre 2014

Android L potrebbe arrivare sui nostri device utilizzando di default la crittografia per i dati salvati sui dischi dei device al fine di aumentare la sicurezza del sistema operativo.

Android-L-developer-preview



[pullquote align=left]

Android L potrebbe usare di default la crittografia per i dati

[/pullquote]
Android L potrebbe diventare presto il più grande aggiornamento che Android abbia mai ricevuto. Google con L potrebbe andare a toccare tutti quelli che sono stati gli aspetti più discussi negli ultimi tempi: batteria, sicurezza e design della User Interface.

L’ultimo rumor rilanciato dall’autorevole Washington Post si concentra sull’argomento della sicurezza di tutta la piattaforma creata da Google e sostiene che, col prossimo aggiornamento in arrivo il prossimo mese, Android potrebbe andare ad utilizzare di default la crittografia del disco.

A dare indizi in tale direzione è stata Niki Christoff nella sua recente intervista col WP. In futuro, con la crittografia attivata, sarà pressoché impossibile forzare l’accesso ai nostri dati senza il nostro consenso.
[pullquote align=right]

Device più sicuri e dati inaccessibili senza il nostro permesso.

[/pullquote]
L’obiettivo principale di Google è ovviamente quello di andare ad aumentare la sicurezza dei propri device, con un occhio di riguardo ai dati in essi contenuti, incrementando di fatto la privacy degli utenti visto che i dati non saranno accessibili nemmeno alle forze dell’ordine. Il cambiamento nella politica della casa della grande G rispecchia in parte quanto fatto recentemente da Apple con iOS8.

Non ci resta ancora che aspettare un mese e mezzo nell’attesa del rilascio del nuovo Android L. Lo aspetteremo con la solita scimmia e col sorriso sapendo, già in anticipo, che i dati di tutti gli utenti saranno al sicuro a breve visto che la crittografia dei dati, già disponibile da 3 anni per il sistema mobile di casa Google ma mai era stata preattivata, sarà operativa di default su tutti i device.

Via

Riguardo al nostro autore
Vittorio Tiso
Il fondatore di OutOfBit. Perito informatico, Dottore in Economia e Commercio, lavoro nel settore finanziario presso una famosa multinazionale. Dedico il mio tempo libero a tecnologia e sport.