Stai leggendo
Per quest’anno non cambiare, stesso smartphone, stesso mare

Per quest’anno non cambiare, stesso smartphone, stesso mare

di Vittorio Tiso16 aprile 2014

Continua la mia rubrica riguardante gli Editoriali dove parlo di tecnologia esprimendo le mie opinioni cercando di piazzare nel mezzo un po’ di sana ironia. Quest’oggi vi invito a non cambiare, stesso smartphone, stesso mare.

quest'anno non cambiare s5 one m8 z2

(Cantate) Per quest’anno non cambiare, stesso smartphone, stesso mare ….. lala lala lalalala. Perchè questo titolo? Adesso con calma ve lo spiego.

Premetto fin da subito che sono un tipo la cui scimmia diventa spesso un gorilla in versione King Kong che più che vivere sulla mia spalla, o alternativamente nel mio armadio, mi prende a manate in faccia ad ogni uscita di un nuovo terminale. Vi confesso che dopo aver visto la presentazione del nuovo One M8 che abbiamo realizzato a Milano il mio prestante King Kong aveva iniziato ad allungare le mani verso il portafoglio per contare gli Euro necessari per l’acquisto.

Ho preferito dormirci su e ho passato una buona mezza giornata a valutare un acquisto del nuovo S5 detto il “cerottone” o dell’ “Iron Phone” One M8, si si si si lo so, non ho preso in considerazione Z2 ma purtroppo non mi piace il design dei device Sony. Dopo il tempo trascorso a valutare o meno il pensionamento del mio lussurioso Nexus 5 Rosso sono giunto alla conclusione di non cambiare smartphone (almeno per adesso o almeno per questa generazione, scimmia a parte), le motivazioni sono semplici: One e S5 hanno un hardware sicuramente migliore, interfacce fighe e una marea di funzioni, ma vale davvero la pena abbandonare i telefoni della precedente generazione (Nexus 5, S4, One, Z) per passare alla nuova aggiungendo un 300 euri? La differenza IMHO non vale la spesa e quindi sono giunto alla mia conclusione: per quest’anno non cambiare, stesso smartphone, stesso mare…. lala lala lala lalalalalala.

In attesa di LG G3 cerco di mantenere tranquillo il gorilla, ormai di scimmia non si può più parlare.

Mina perdonami.

Riguardo al nostro autore
Vittorio Tiso
Il fondatore di OutOfBit. Perito informatico, Dottore in Economia e Commercio, lavoro nel settore finanziario presso una famosa multinazionale. Dedico il mio tempo libero a tecnologia e sport.