Stai leggendo
Dispositivi elettronici in volo finalmente utilizzabili

Dispositivi elettronici in volo finalmente utilizzabili

di Vittorio Tiso4 novembre 2013

Il Dipartimento Americano dell’Aviazione ha finalmente posto fine all’inutile divieto di utilizzare dispositivi elettronici in volo durante le fasi di decollo e atterraggio.

dispositivi elettronici in volo

Da qualche settimana girava la voce ma da questo momento è ufficiale: se volate con una compagnia aerea statunitense potrete continuare ad utilizzare i vostri dispositivi elettronici in volo anche durante le fasi di decollo e atterraggio senza dover aspettare il raggiungimento della quota di crociera di 10 mila piedi. Potremmo quindi utilizzare smartphone, tablet, pc e qualsiasi altro dispositivo elettronico, potremmo quindi continuare a leggere, giocare e lavorare tranquillamente senza il pensiero di dover spegnere tutti i device per paura di far precipitare l’aereo su cui viaggiamo.

Resta ancora proibito telefonare dal cielo ed utilizzare dispositivi che emanino onde radio, mentre è discrezione delle compagnie fare utilizzare o meno servizi di connessione wifi a bordo degli aerei. Il problema sarà controllare a bordo che i passeggeri utilizzino i dispositivi in modalità aereo.

A prendere la decisione di cancellare definitivamente l’anacronistico divieti, in vigore dagli anni ’50, è stato il Dipartimento Americano dell’Aviazione, che ha condotto uno studio avvalendosi di esperti del settore al fine di dimostrare che i moderni aerei sono in grado di tollerare senza problemi le interferenze radio emanate dai dispositivi mobili in volo. Per evitare abusi e inutili rischi, la FAA ha posto delle limitazioni all’uso indiscriminato dei dispositivi, stabilendo linee guida da rispettare in caso di turbolenza eccessiva o scarsa visibilità, situazioni nelle quali i device andranno spenti e riposti nei vani appositi.

Il direttore della FAA, Michal Huerta, ha comunque invitato le compagnie aeree a sottoporre a rigorosi test i propri velivoli al fine di verificarne l’effettiva tolleranza alle onde radio.

L’era di decolli e atterraggi senza tencologia per i passeggieri è finita per le compagnie aeree statunitensi, speriamo tale decisione venga presto allargata a tutte le compagnie mondiali.

Via

Riguardo al nostro autore
Vittorio Tiso
Il fondatore di OutOfBit. Perito informatico, Dottore in Economia e Commercio, lavoro nel settore finanziario presso una famosa multinazionale. Dedico il mio tempo libero a tecnologia e sport.