Stai leggendo
[Recensione] Waze: il navigatore social

[Recensione] Waze: il navigatore social

di Vittorio Tiso23 maggio 2013

WAZE, il navigatore GPS “social”!

waze

 

Navigatori GPS? Ne conosciamo tanti, questo è poco ma sicuro. Dai più blasonati ai meno conosciuti la scelta è davvero vasta. Quindi, cos’è che contraddistingue questo Waze da tutti gli altri?
Come già il titolo suggerisce, innanzitutto la simpatia ma, come avremo modo di vedere, non solo quella.
Dietro ad una grafica un po’ “cartoon”, come già icona e logo lasciano intuire, ci si trova di fronte ad un navigatore GPS di tutto rispetto, con alcune caratteristiche che lo rendono davvero unico, andiamo a scoprirle.

Filosofia
E’ quella che, più di ogni altro, lo caratterizza: le mappe infatti, vengono realizzate e costantemente aggiornate grazie…agli utenti! Ogni tratto di strada che percorriamo, ogni traccia gps che “lasciamo” concorre infatti a migliorare, correggere e ottimizzare le mappe, rendendo di fatto questi “aggiornamenti” disponibili, quasi in tempo reale, a tutti i “wazers”. Comodo ed efficace, non trovate?

Caratteristiche
Come tutti i navigatori GPS che si rispettano, Waze ha la navigazione guidata vocale, mostra la mappa in modalità 2d e 3d, passa automaticamente alla visualizzazione notturna (parametri tutti ampiamente configurabili), consente la navigazione “point to point”, il tipo di percorso preferito, l’inserimento di punti di interesse (che siano servizi, musei o quant’altro, qui si chiamano “Google local search”). Tutto nella norma quindi…ma solo per ora!

waze

 

Particolarità
Fino ad ora ci siamo trovati a parlare di Waze come di un qualsiasi altro navigatore…in cosa consiste quindi il suo aspetto “social” che ci ha colpito particolarmente? E come utilizzarlo? Innnanzitutto, serve crearsi un  proprio profilo, con i classici username e password (simpaticamente viene anche chiesto di associarne il tipo di vettura che comparirà sulla mappa “rappresentandoci” – ovviamente solo se lo vogliamo – spaziando dalla Smart alla…Ferrari). Questo profilo, oltre che per rappresentarci graficamente sulla mappa, servirà principalmente per consentirci di utilizzare alcune caratteristiche molto importanti, a mio modo di vedere, che Waze mette a disposizione:
– segnalare, rendendo tale segnalazione disponibile a tutti, praticamente in tempo reale, qualsiasi “evento” che riguarda la circolazione stradale (ingorghi, incidenti, lavori in corso…ma anche autovelox e appostamenti “poco simpatici” o eventi), permettendo quindi a tutti di tenerne conto e, volendo, allegando anche una fotografia di quanto segnalato.
–  accedere, tramite la pagina http://it.waze.com/livemap/ al proprio account e, tramite quello, alla funzione “aggiorna mappa”, che consente di modificare manualmente strade, sensi unici e quant’altro (in funzione naturalmente del proprio livello di “credibilità” raggiunto).

– come già evidenziato prima, ogni nostro “percorso” viene inserito in un database, dal quale verranno attinte informazioni per fornirci percorsi non più calcolati su tempi e velocità “teorici”, ma sulle effettive nostre abitudini e quindi su dati oltremodo realistici. Davvero utile e pratico, direi.

unnamed (8)

 

Conclusioni
Come avete visto, ci troviamo di fronte a un navigatore quantomeno particolare, che offre un lato “social” oltremodo utile, oltre che simpatico. Simpatico, si, ma oltremodo maturo: oggi più di 25 milioni di utenti in tutto il mondo “contribuiscono” in maniera appassionata e costante alla crescita e all’aggiornamento del servizio, rendendolo di fatto un navigatore GPS in tempo reale, così intelligente e affidabile che persino l’esigentissima Apple, lo scorso giugno, ha scelto di affidarsi a tutti questi “sensori così intelligenti e affidabili”  includendo Waze tra le fonti dati sul traffico per il servizio mappe inserito in iOS 6. Davvero un riconoscimento importante, non trovate?

 

Ecco i link per il download:

en_generic_rgb_wo_60AppStoreLogo

 

 

Si ringrazia il nostro blogger Mlucky per l’articolo.

 

 

Riguardo al nostro autore
Vittorio Tiso
Il fondatore di OutOfBit. Perito informatico, Dottore in Economia e Commercio, lavoro nel settore finanziario presso una famosa multinazionale. Dedico il mio tempo libero a tecnologia e sport.