Stai leggendo
Android Studio: le prime impressioni

Android Studio: le prime impressioni

di Vittorio Tiso16 maggio 2013

Arriva Android Studio: un ambiente di sviluppo dedicato ad Android.

Durante il Google I / O 2013 Keynote, Hugo Barra ha annunciato che sta lavorando a un nuovo ambiente di sviluppo integrato (IDE) per lo sviluppo di applicazioni Android chiamato Android Studio.

android-studio

Sarà basato sull’open source della già famosa applicazione IntelliJ, obiettivo di Studio è quello di risolvere le difficoltà che gli sviluppatori sulla piattaforma Android incontrano nello sviluppo delle loro applicazioni.

Oltre a tutte le funzioni sofisticate come il completamento del codice, analisi del codice, e linee di codice specifiche per Android, il nuovo IDE include anche un visualizzatore del layout built-in. Questo sarà un grande vantaggio per gli sviluppatori in quanto spesso può essere difficile ottenere un’interfaccia utente ben fatta, semplice e di buon gusto, grazie alla possibile di visualizzare il layout sarà più semplice ottenere il design desiderato. Vengono inoltre aggiunti nuovi strumenti di progettazione tra cui una modalità anteprima su cui Google è ancora al lavoro.

Un fattore fondamentale per fare di un’ottima app un’applicazione famosa con milioni di utente è semplicemente l’interfaccia utente, e con la nuova finestra di anteprima in tempo reale sarà più semplice apportare le modifiche al codice XML.

Altra ragione per cui la nuova anteprima di progettazione si rivelerà fondamentale è la possibilità per gli sviluppatori di vedere contemporaneamente come l’applicazione si presenta su un gran numero di dispositivi diversi. Ciò sarà possibile grazie alla funzione “preview all” che permetterà di vedere i diversi layout dell’applicazione su telefoni con schermi da 3,5 a 5 pollici e tablet, in modo da rendere più preciso e uniforme il design fra i vari dispositivi.

La modalità di anteprima non finisce qui e si estende anche alle traduzioni. L’IDE include una funzionalità incorporata per creare applicazioni multi-lingua. Allo stesso modo dell’interfaccia, anche l’anteprima può essere visualizzata in tutte le lingue contemporaneamente.

Il nuovo ambiente di sviluppo è disponile per tutte le piattaforme: Windows, OS X e Linux. Verrà richiesta l’installazione del Java Development Kit di Oracle.

A questo collegamento potete trovare la versione di anteprima disponibile per il download.

Riguardo al nostro autore
Vittorio Tiso
Il fondatore di OutOfBit. Perito informatico, Dottore in Economia e Commercio, lavoro nel settore finanziario presso una famosa multinazionale. Dedico il mio tempo libero a tecnologia e sport.