Stai leggendo
La richiesta di metallo di Apple obbliga gli avversari a scegliere la fibra di vetro

La richiesta di metallo di Apple obbliga gli avversari a scegliere la fibra di vetro

di Vittorio Tiso5 agosto 2011

La grande richiesta di metallo da parte di Apple sta mettendo il crisi il mercato, i concorrenti sono costretti a virare sulla fibra di vetro

Apple serie tv originali

Gli utenti da qualche tempo hanno, finalmente, la possibilità di acquistare i nuovi MacBook Air. Un computer portatile degno di questo nome grazie alle sue esigue dimensioni e al suo peso super leggero. Sicuramente i prodotti della Apple hanno un prezzo abbastanza proibitivo, ma molto spesso l’acquisto vale davvero la pena. I materiali che l’azienda impiega per la realizzazione consentono alla casa di distinguersi ulteriormente dagli avversari che, arrancando, cercano di avvicinarsi alle gesta e al successo ottenuto da Cupertino.

Alcuni produttori stanno per lanciare una nuova categoria di computer definiti ultrabook per cercare di contrastare l’ascesa del nuovo MacBook Air. Il materiale primario più pregiato da utilizzare è un ibrido fra magnesio-alluminio che raggiunge dei costi molto alti, infatti alcune aziende non possono permetterselo.

Il fattore economico non è l’unico problema, la questione principale è la disponibilità. Apple con le sue richieste satura quasi del tutto il mercato di questo materiale speciale. Le case fornitrici sono la Foxconn e la Catcher ed equipaggiano l’azienda della mela morsicata.

La soluzione alternative, che le altre case hanno dovuto obbligatoriamente trovare, è stato l’impiego della fibra di vetro che contiene i costi senza rinunciare alla qualità.

Informazioni su:
La richiesta di metallo di Apple obbliga gli avversari a scegliere la fibra di vetro
Titolo
La richiesta di metallo di Apple obbliga gli avversari a scegliere la fibra di vetro
Descrizione
La grande richiesta di metallo da parte di Apple sta mettendo il crisi il mercato, i concorrenti sono costretti a virare sulla fibra di vetro

Riguardo al nostro autore
Vittorio Tiso
Il fondatore di OutOfBit. Perito informatico, Dottore in Economia e Commercio, lavoro nel settore finanziario presso una famosa multinazionale. Dedico il mio tempo libero a tecnologia e sport.